menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tribunale di Terni, rinviate le udienze con avvocati provenienti dalle zone rosse

La decisione della presidente, Rosanna Ianniello: legali e procuratori onorari fermati all’ingresso del Palazzaccio per evitare rischi di contagio

Il tribunale di Terni “chiude” agli avvocati provenienti dalle zone rosse. La decisione della presidente, Rosanna Ianniello, è stata assunta dopo l’ordinanza della Regione Umbria che istituisce un irrigidimento delle prescrizioni anti Covid in quei comuni in cui l’indice di contagio è particolarmente elevato.

Comprensibile lo smarrimento tra i legali anche in virtù del fatto che ancora il provvedimento non c’è. Gli avvocati, così come i procuratori onorari, vengono fermati all’ingresso del Palazzaccio di corso del Popolo in base alla città di provenienza. Quindi, ingresso vietato per tutti i legali del Perugino, ma anche dell’Amerino. Le udienze vengono rinviate in attesa di ulteriori chiarimenti.

Il passaparola tra i legali è stato accompagnato da un certo malcontento, anche perché un provvedimento simile non è stato ad esempio assunto dal tribunale di Perugia dove l’eventuale decisione di rinviare l’udienza viene assunta dal giudice, ma non d’ufficio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Progetto Liberati, una rivoluzione per la città di Terni: “Dalle criticità alle opportunità”. Viabilità, infrastrutture e trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento