Coronavirus, controlli sanitari a bordo di bus umbro: allarme per due cinesi. Risultati: nessun contagio

Il timore di alcuni passeggeri sulla presenza di due cittadini cinesi con mascherina ha fatto scattare i protocolli sanitari. Il bus fermo per 5 ore. Controlli hanno dato esito negativo

La conferma dei controlli sanitari - relativi ai protocolli sul coronavirus - sul bus della Sulga che da Roma in direzione Perugia, è stata data direttamente dall'assessore regionale alla sanità Luca Coletto che si è informato sui fatti. Ulteriori conferme arrivano da Roma attraverso la centrale del 118 del Lazio che ha inviato i propri uomini per effettuare tutte le analisi del caso su due cittadini cinesi che erano a bordo del mezzo della compagnia perugina. L'esito è stato negativo, non ci sono segnali che possano ricondurre al contagio da coronavirus. Il pullman, dunque, è ripartito alla volta del capoluogo umbro. Come già detto, per evitare allarmismi, i controlli erano a scopo precauzionale anche dopo l'emergenza sanitaria proclamata dal Governo italiano.

Per fortuna tutto è andato per il verso giusto e non ci sono rischi per nessuno e per nessun territorio. Da fonti sanitarie si apprende che la richiesta dei controlli è arrivata direttamente da alcuni passeggeri che alla presenza dei due cittadini cinesi con tanto di mascherina indossata, sono andati in preda al panico ed hanno chiesto l'intervento direttamente all'ignaro autista. A quel punto sono intervenuti gli uomini della task-force sanitaria anti-contagio. Insomma una psicosi che è da mettere in conto dopo le preoccupanti notizie che vengono dalla Cina e le misure di sicurezza prese per arginare il coronavirus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento