Cronaca

Vaccini Coronavirus, l’Umbria accelera: pronti a somministrare fino a 9mila dosi al giorno

Aggiornato il piano, si procederà per fasce d’età e vulnerabilità: accordi anche con pediatri e odontoiatri. Date e numeri: tutte le novità sulla campagna vaccinali

Entro maggio sarà conclusa la campagna vaccinale per gli over 80, entro giugno i circa 45mila “fragili” avranno anche loro ricevuto la loro seconda dose di farmaco e ad agosto sarà coperta anche la fascia d’età 70-79 anni. L’Umbria accelera sulla campagna di vaccinazione contro il Coronavirus adeguandosi alle nuove direttive nazionali che prevedono di procedere “per fasce d’età” anziché per categorie.

L’aggiornamento del piano è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa durante la quale questa mattina sono state indicate le prossime tappe della campagna con numeri, date e soggetti che riceveranno il siero.

La prossima priorità sarà dunque quella di “immunizzare gli ultraottantenni ancora non vaccinati – ha spiegato Massimo D’Angelo, commissario Covid per l’Umbria – raggiungendo quel 20% che non ha ancora aderito alla campagna”. Dal primo aprile potranno prenotarsi i soggetti estremamente fragili con patologia e sempre dal primo aprile via alle prenotazioni anche per gli over 70. Successivamente, saranno aperte le prenotazioni i 60enni con patologie e poi agli over 60, fino ad arrivare alla possibilità di garantire la vaccinazione a tutta la popolazione.

Allo stesso tempo si sta lavorando per portare al “massimo” la “potenza di fuoco”. Ad oggi, nei 17 punti vaccinali si possono somministrare 3.924 dosi al giorno con 33 team. L’obiettivo è incrementare questa disponibilità di altre 1.440 dosi al giorno, aumentando i punti vaccinali. Nella campagna verranno coinvolti i medici di medicina generale (per gli over 80 a casa e per i 70-79 anni) fino a 3.500 dosi al giorno. “Possiamo arrivare a somministrare anche 9mila dosi al giorno”, dice D’Angelo. Proprio per questo si sta lavorando alla definizione di accordi con i pediatri di libera scelta e con gli odontoiatri.

Tutto sta ad avere una adeguata disponibilità di vaccini. “Stasera – spiega D’Angelo – ci sarà un incontro con il commissario nazionale per capire su quali quantità di vaccino potremo fare affidamento nelle prossime settimane”.

Il nuovo piano raccoglie la soddisfazione della presidente dell’Umbria, Donatella Tesei, e dell’assessore regionale alla salute, Luca Coletto: “Queste direttive ci evitano il carico di interpretare a chi somministrare il vaccino. Si è impressa velocità alla campagna. Qualora arrivassero vaccini a sufficienza, avremo la possibilità di far ripartire la salute e l’economia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini Coronavirus, l’Umbria accelera: pronti a somministrare fino a 9mila dosi al giorno

TerniToday è in caricamento