rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Economia

Contadine, imprenditrici e sindacaliste: “Agricoltura, sostantivo femminile”

Evento a Terni organizzato dal gruppo S&D all’Europarlamento: “Un patrimonio di esperienze che possono costruire una nuova proposta economica e politica”

L’agricoltura di qualità, l’artigianato artistico, il terziario avanzato e il turismo slow rappresentano le nuove frontiere di un rilancio delle aree interne del nostro Paese, un patrimonio inestimabile di natura, storia, saperi che rappresenta uno degli asset principali dello sviluppo sostenibile.

Questa “nuova alleanza” fra tradizione, innovazione e territori è oggi fortemente legata al protagonismo delle donne, particolarmente in campo agricolo. Contadine, imprenditrici, sindacaliste, braccianti, donne delle istituzioni e delle associazioni: un patrimonio di esperienze che possono costruire una nuova proposta economica e politica, a partire dal superamento delle condizioni di arretratezza e violenza ancora presenti nelle attività agricole in alcune aree del Paese.

AGRICOLTURASOSTANTIVOFEMMINILE_17-11-22

A discutere di questi temi a pochi giorni dalla Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, oltre alla Commissaria europea all’eguaglianza Helena Dalli (in attesa di conferma), i membri italiani del gruppo S&D alla Commissione agricoltura dell’Europarlamento, Camilla Laureti e Paolo De Castro. Con loro, i rappresentanti delle maggiori associazioni agricole, ambientali e sociali (Coldiretti, Cia, FederBio, Cgil, Slow Food).

L’appuntamento è per giovedì 17 novembre dalle 9.30 alle 13 presso il Caos, Centro arti opificio Siri, a Terni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contadine, imprenditrici e sindacaliste: “Agricoltura, sostantivo femminile”

TerniToday è in caricamento