Annuario economico dell’Umbria 2019-2020, l’Ast si piazza al secondo posto

La tradizionale classifica stilata dal Centro Studi ESG89 per le società con fatturato compreso fra 5 e 50 milioni di euro

Un annuario economico dell’Umbria (realizzato dal Centro Studi ESG89) che raccoglie e classifica le 537 società che hanno registrato un fatturato compreso fra 5 e 50 milioni di euro.

Anche se la platea delle aziende è distribuita prevalentemente nella provincia di Perugia, con ben 441 compagini a fronte delle 96 nella provincia di Terni, il podio delle società di capitali dell’Umbria porta però i colori rosso-verde.

Al secondo posto spicca infatti l’Acciai Speciali Terni con 1.684.764.846 euro. Medaglia d’argento per l’Ast dunque, preceduta da Pac 2000 a Conad (che conferma la prima posizione con 3.014.785.000 euro) e seguita da Coop Centro Italia (con 847.870.000 euro).

Posizioni che si ritrovano anche nella gerarchia per utile netto, dove è prima la cooperativa Pac 2000 a Conad con 89.561.000 euro, seconda l’Ast con 87.087.112 euro e terza Brunello Cucinelli con 52.485.000 euro.

Qualche altro numero: fra le top 10 per fatturato, 9 sono nella provincia di Perugia e 1 in quella di Terni. I comuni con la più alta densità di top aziende sono Perugia con 242 società, seguita da Terni con 97 e da Foligno con 67, che supera Città di Castello che ne registra 65. Sono 34 le società che superano il fatturato di 100 milioni.

L’analisi

I comparti più numerosi sono rappresentati dal commercio al dettaglio e all’ingrosso con 117 società, seguito dalla meccanica con 89 e dall’agro-alimentare con 64. Per il 24% di loro si è assistito ad un leggero calo del fatturato rispetto all’esercizio precedente anche se nel complesso il volume d’affari si è incrementato di oltre 1 miliardo.

"È su questo campione di società – commenta Giovanni Giorgetti, ceo di ESG89 Group editore dell’Annuario economico e direttore del Glocal Economic Forum – che l’Umbria può e deve scommettere per il futuro. Si tratta perlopiù di aziende familiari, di prima o di seconda generazione dove l’innovazione e la digitalizzazione hanno iniziato a dare i frutti sperati e molte di loro risultano da tempo export oriented".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa manca? “Una diffusa managerialità – conclude Giorgetti – durante la tre giorni del Glocal Economic Forum è emerso che la maggioranza delle medie imprese non hanno in pancia collaboratori-manager in grado di far fare il salto di qualità necessario. Medie imprese e manager di trincea: ecco quindi i due nuovi concetti nel panorama economico italiano e regionale che la crisi ha imposto anche agli imprenditori più allergici ai cambiamenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terni, movida “osservata speciale”: cani antidroga e telecamere, ecco le vie sotto controllo

  • Terni, lancia pietre dalla finestra e si barrica in casa con un’accetta

  • “Lavoratori alla fame, nuovi disoccupati e famiglie nell’incertezza”, le Mascherine Tricolori a Terni

  • Aggredita e ferita da un pitbull a Terni. La proprietaria inveisce contro la donna e fugge: denunciata

  • Chiuso il viadotto 'Montoro' sul raccordo Terni-Orte. Traffico off limits e incognita 3 giugno

  • Coronavirus a Terni, lo sfogo del consigliere Fiorelli: “Se toccati dal Covid saremmo crollati in modo rovinoso”

Torna su
TerniToday è in caricamento