Accoglienza di qualità e gusto battono all’unisono nel cuore della Valnerina

Casteldilago, viaggio tra l’Osteria dello Sportello e il Borgo di San Valentino: così le vecchie case sono diventate un luogo magico. Il fotoservizio di Giacomo Sirchia

Foto Giacomo Sirchia

Il legno, la pietra. Incastonati nel silenzio di un luogo suggestivo come la Valnerina. È qui, nel borgo di Casteldilago, che accoglienza di qualità e gusto battono all’unisono. Perché è qui che sorge l’albergo diffuso Borgo di San Valentino, con cui le vecchie case che si rincorrono fra i vicoli sono diventate un luogo dove i ritmi della vita frenetica lasciano spazio al relax e alla tranquillità.

Ed è qui che nasce anche l’Osteria dello Sportello, realizzata all’interno del palazzo nobiliare del borgo medievale. Un regno in cui prodotti tipici ed eccellenze del territorio vanno a braccetto in un menù dove tartufo, cacciagione, prodotti stagionali e vini esclusivamente umbri si incontrano fino a comporre pietanze sopraffine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Recupero della tradizione e qualità: sono le caratteristiche principali di questa struttura che davvero fa dell’eccellenza la sua scommessa principale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento