rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Economia

Ast, scattano tre settimane di cassa integrazione per 400 dipendenti

La decisione della proprietà comunicata ai sindacati e a Confindustria: “Vista la contrazione del mercato e il calo delle commesse dobbiamo ridurre la produzione”

Tre settimane di cassa integrazione per un massimo di 400 lavoratori. E’ la decisione che il gruppo Ast Arvedi ha comunicato in una pec a sindacati e Confindustria nella mattinata di mercoledì. Una decisione che arriva a poche ore dalla visita del ministro Giancarlo Giorgetti proprio negli stabilimenti Ast

Video - Intervista al ministro Giorgetti

“Vista la contrazione del mercato di riferimento - si legge nella lettera - che ha determinato il conseguente calo delle commesse di lavoro, registratori ormai da qualche tempo e proveniente soprattutto da parte della committenza abituale, nonostante gli sforzi profusi per reperire nuove ed alternative occasioni di lavoro, tutt'ora in corso la società si trova nella condizione di dover ridurre la propria attività produttiva. Per detta situazione sarà interessata ad una sospensione e/o riduzione delle attività lavorative per il cui effetto richiede l'intervento della Cig ordinaria e delle relative provvidenze che, a decorrere dal 16 settembre 2022 e sino al 30 settembre 2022 e per un periodo presumibile di tre settimane, potrà interessare fino a un massimo di 400 dipendenti circa, tra quadri impiegati ed operai rispetto ad un organico aziendale complessivo che, alla data della presente risulta essere pari a 2.278 unità lavorative”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ast, scattano tre settimane di cassa integrazione per 400 dipendenti

TerniToday è in caricamento