menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il “grande inverno” delle partite Iva dell’Umbria: in dieci anni sono “spariti” diecimila autonomi, reddito in picchiata

L’analisi di Mediacom043: tra il 2009 ed il 2019 sono andati in fumo quasi 269 milioni di reddito annuo, i dati della regione sono i peggiori d’Italia

“Partite Iva dell’Umbria, il grande inverno. Ne sono scomparse 11.084. In fumo, nel decennio 2009-2019, quasi 269 milioni di euro di reddito annuo. Non solo, ma i dati sul reddito medio - che vede allargarsi il divario a sfavore delle partite Iva umbre rispetto alla media nazionale, con la regione che è sempre più ultima nel Centro-Nord - rilevano che per loro il futuro è molto più rischioso di quanto non sia per le partite Iva italiane. Ecco perché”.

È questa la sintesi di un nuovo rapporto curato da Mediacom043, agenzia diretta da Giuseppe Castellini, che stavolta analizza l’andamento del reddito reale (complessivo e medio) nelle dichiarazioni dei redditi Irpef nel decennio 2009-2019 delle partite Iva dell’Umbria sulla base dei dati forniti dal ministero dell’economia e delle finanze.

Il primo confronto è quello tra l’andamento del reddito complessivo Irpef 2009-2019 delle partite Iva dell’Umbria e quello di tutti i contribuenti della regione. Il prezzo pagato dalle partite Iva umbre è stato infatti molto più alto della media regionale, con il loro reddito complessivo che, in termini reali, è sceso - tra le dichiarazioni dei redditi 2009 e quelle del 2019 - del 16,2%%, rispetto al -2,5%% di quello di tutti i contribuenti umbri.

Una differenza a sfavore delle partite Ive dell’Umbria di ben 13,7 punti percentuali, molto più alta di quella che si registra a livello medio nazionale, dove – in termini di caduta del reddito complessivo Irpef delle partite Iva in confronto con l’andamento medio di tutti i contribuenti – la penalizzazione dei lavoratori autonomi è di 8,49 punti percentuali.

Se, in altre parole, la caduta del reddito complessivo Irpef delle partite Iva umbre fosse stato in linea con quello medio di tutti i contribuenti della regione, le prime avrebbero dovuto avere oggi un reddito complessivo annuo superiore di oltre 121 milioni di euro rispetto a quello che invece presentano.

“E le partite Iva dell’Umbria sono tra i fanalini di coda tra le regioni – rileva Mediacom - anche per quanto riguarda l’andamento del reddito medio tra le dichiarazioni dei redditi 2009 e quelle 2019”.

Guardando alle dichiarazioni dei redditi Irpef presentate in Umbria dalle partite Iva nel 2009 e nel 2019, in base ai dati forniti dal Mef, si può vedere come il loro numero sia sceso da 59mila 594 a 48mila 510 (-11mila 084), con una contrazione del 18,6%, rispetto a una media nazionale di -18,1%.

Questo crollo del loro numero rappresenta una prima spiegazione del calo del reddito complessivo Irpef dei lavoratori autonomi della regione, ma non è la sola. “L’altra spiegazione – secondo Mediacom - è che le partite Iva sopravvissute in Umbria hanno registrato un miglioramento del loro reddito inferiore di oltre 3,6 volte rispetto a quanto avvenuto nella media nazionale”.

Confrontando le dichiarazioni Irpef del 2009 e quelle del 2019, le partite Iva umbre presentano una contrazione del reddito complessivo di 268,459 milioni di euro, passando da oltre 1,652 miliardi di euro dichiarati nel 2009 a 1,384 miliardi dichiarati nelle dichiarazioni 2019. La flessione è del 16,2%, nettamente superiore alla media nazionale (-9,4%) e la seconda peggiore del Centro-Nord dopo quella della Valle d’Aosta (-18%), peggiore anche di regioni del Mezzogiorno come Abruzzo (-7%) e Campania (-9%) tenendo conto che, come si può osservare nella tabella 2, il Mezzogiorno è la circoscrizione territoriale dove il crollo del reddito complessivo delle Partite Iva è stato più pronunciato, con picchi in Basilicata (-19%) e Sardegna (-18,9%).

Il quadro umbro è molto diverso da quello italiano se si guarda all’andamento del reddito medio delle partite Iva finora sopravvissute alla selezione darwiniana.

In Italia, il fatto che tra le dichiarazioni dei redditi Irpef 2009 e quelle 2019 il numero delle partite Iva sia sceso del 18,1% e quello del loro reddito complessivo del 9,4%, determina che il reddito medio delle partite Iva sopravvissute sia aumentato del 10,5%. In termini reali, nel 2008 in media una partita Iva italiana presentava un reddito 28mila 830 euro lordi l’anno, mentre nel 2019 tale valore sale a 31mila 850 euro.

Questa dinamica esiste anche in Umbria, ma è molto più affievolita. Nella regione, infatti, il numero delle partite Iva è crollato del 18,6% e il reddito complessivo del 16,2%. Ne consegue che il reddito medio delle partite Iva sopravvissute in Umbria è cresciuto nel decennio solo del 2,9%, oltre 3,6 volte meno della media nazionale. Si tratta del dato peggiore d’Italia. In termini reali, il loro reddito Irpef medio è aumentato da 27mila 730 euro nelle dichiarazioni 2009 a 28mila 530 euro del 2019.

“Dal quadro presentato – è la conclusione di Mediacom - emerge che l’inverno delle partite Iva dell’Umbria potrebbe non essere finito, anche qualora arrivasse la sospirata ripresa. Perché, se non si irrobustiranno e non verranno aiutate ad irrobustirsi, ad ogni quadro economico generale avverso pagherebbero un prezzo più alto – come avvenuto – rispetto alle partite Iva delle altre regioni. Cosa significa irrobustirsi? Significa accettare senza remore e con coraggio, aiutate e incentivate da una politica economica adeguata a livello nazionale e regionale (ma anche i Comuni possono giocare un ruolo importante) le grandi sfide della digitalizzazione, della sostenibilità, dell’aumento generale della propria competitività, dell’aumento di dimensione media, della patrimonializzazione. Questi sono i nodi ormai noti, che vanno presi di petto. Non è solo una questione di peso fiscale, che pure esiste, ma di cambio di passo sia nella politica economica dei poteri pubblici che nel modo di essere delle partite Iva. Altrimenti non mancheranno altri inverni particolarmente gelidi e prolungati”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento