rotate-mobile
Economia Montecastrilli

L’azienda ternana che batte la crisi col gusto: da Oprah Winfrey a George Clooney, tutti pazzi per il tartufo

La multinazionale Sabatino Tartufi, con sedi a Montecastrilli, Usa, Canada e Cina, è leader nella commercializzazione e trasformazione del tartufo. Oggi la “caccia” con esperti cavatori e poi uno show culinario

Una delle eccellenze assolute del made in Italy sono sicuramente i tartufi italiani, ritenuti tra i migliori del mondo. Questi sono di qualità talmente elevata che anche l’anchor woman più potente d’America, Oprah Winfrey, ne è diventata una grandissima amante tanto da cucinarli in vari modi e regalarli ai suoi amici. E la multinazionale umbra Sabatino Tartufi è una delle principali aziende attive nel mondo dello speciality food e leader nella commercializzazione e nella trasformazione di tartufo, presente in oltre 60 Paesi del mondo.

“Siamo felici che Oprah apprezzi così tanto i nostri prodotti e il nostro modo di fare impresa - commenta Giuseppina Balestra, ceo di Sabatino Tartufi in Italia - Ci siamo conosciuti per caso e, come succede a volte nella vita, sono scattati una simpatia e un affetto che sono poi cresciuti nel tempo. Averla avuta nostra ospite nella sede di Sabatino Tartufi a Montecastrilli qualche anno fa è stato per noi un regalo davvero speciale, perché Oprah è una persona speciale. Non è l’unica star americana che ama i tartufi italiani: come lei infatti ci sono Billy Joel, Martha Stewart e George Clooney”.

Ma quanti sono gli italiani che si dedicano alla raccolta dei tartufi? Si stima che in Italia siano oltre 70mila i raccoglitori di tartufo abilitati da regioni, province, comunità montane e comuni, i cosiddetti “tartufai” o “cavatori”.

“La maggior parte di loro - prosegue Giuseppina Balestra - continua a svolgere questa attività per pura passione, con ritorni economici di natura accessoria, ma sempre più persone provano a farne una vera e propria professione. Quello dei tartufi infatti è un giro d’affari che in Italia si attesta attorno al mezzo miliardo di euro e riguarda ormai un po’ tutte le regioni. Le più interessate in assoluto sono Piemonte, Umbria, Marche e Toscana. Negli ultimi tempi è stata interessata perfino la Sardegna”, ha aggiunto la ceo di Sabatino Tartufi in Italia.

E oggi, 25 luglio, dalle 8 prende il via la “Caccia al tartufo estivo in Umbria” in programma nel bosco di Montecastrilli, guidata dal tartufaio Renzo Caiello, uno dei raccoglitori più esperti della zona e già ai vertici dell’associazione tartufai dell’Orvietano, col suo inseparabile cane Balù. Lo chef Paolo Amadori, già executive di Bice a New York e Montecarlo e docente di Alma (la scuola internazionale di cucina italiana) ora titolare di diversi locali glamour a Saint Tropez e Ramatuelle, cucinerà poi piatti deliziosi a base di tartufi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’azienda ternana che batte la crisi col gusto: da Oprah Winfrey a George Clooney, tutti pazzi per il tartufo

TerniToday è in caricamento