rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Economia

Aumenti luce e gas: Terni quarta in Italia con +65%

I dati pubblicati dell’Unione Nazionale dei Consumatori sui prezzi di luglio. sul fronte alimentare, in città una famiglia spende 690 euro in più all’anno

Terni al quarto posto in Italia per gli aumenti di luce a gas. E’ quanto emerge dagli ultimi studi dell’Unione Nazionale dei Consumatori, che pubblica i dati relativi a luglio. 

A guidare la classifica delle città con i maggiori rincari dei beni alimentari è Cosenza, dove si registra un rialzo del 13,1% rispetto a luglio 2021, +847 euro in termini di aumento del costo della vita per una famiglia media. Al secondo posto Viterbo, con un incremento dei prezzi del 12,8% e un aggravio annuo pari a 713 euro. Ultimo posto sul podio va a Imperia dove mangiare costa il +12,7% in più, pari a 680 euro. Seguono Sassari (+12,4%, 569 euro), Ascoli Piceno (+12,2%, 664 euro), al sesto posto Catania (+9,5%, +551 euro), poi Verona e Terni (entrambe +11,5%, rispettivamente 621 e 690 euro), e Padova, Forlì-Cesena, Arezzo e Olbia-Tempio (+11,4% per tutte). 

Per quanto riguarda invece energia elettrica, gas e altri combustibili per l’Unc “in Italia il rincaro a luglio è stato già spaziale, +59,2% il dato tendenziale, con una mazzata a famiglia pari in media a 798 euro su base annua, in alcune città si è avuto addirittura un raddoppio rispetto allo scorso anno”. In testa alla classifica c’è Bolzano, dove le spese per luce e gas decollano del 107,3% su luglio 2021. Medaglia d’argento a Trento, +105,2%, anche qui oltre il doppio. Sul gradino più basso del podio Perugia (+65,9%). Seguono Terni (+65%), Teramo (+64,4%), al sesto posto Varese e Lodi (+63,6% per entrambe), poi Milano e Catania (+63,5% per ambedue). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumenti luce e gas: Terni quarta in Italia con +65%

TerniToday è in caricamento