menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nomine&Poltrone, ecco i nuovi componenti del cda della Cassa di risparmio di Orvieto

Stefano Farabbi confermato alla presidenza, vicepresidente è Cristiano Carrus. Gli altri membri sono Maria Monna, Vincenzo Capretto, Silvia Pace, Gianluca Caniato e Alessandro Papaniaros

L’assemblea degli azionisti della Cassa di risparmio di Orvieto ha nominato il nuovo consiglio di amministrazione. Per il triennio 2021-24 è stato confermato alla presidenza Stefano Farabbi. Alla vicepresidenza c’è Cristiano Carrus, attuale chief business officier della capogruppo Banca Popolare di Bari. Gli altri membri del cda sono Maria Monna, Vincenzo Capretto, Silvia Pace, Gianluca Caniato e Alessandro Papaniaros.

“L’assemblea segna un punto di svolta nella storia della Cassa di risparmio di Orvieto - commenta l’amministratore delegato di Banca Popolare di Bari, Giampiero Bergami - Si tratta di un nuovo percorso di rilancio dell’istituto, per il quale non è prevista alcuna ipotesi di fusione con la controllante, volto a rafforzare la sua presenza sul territorio umbro, grazie ad una rinnovata fiducia tra gli azionisti”.

Il rinnovo del cda di CariOrvieto viene visto come “un primo passo importante” dalla Fondazione Cro, che all’interno del cda ha espresso il presidente Farabbi e i consiglieri di amministrazione Silvia Pace e Vincenzo Capretto, “due importanti professionalità della città di Orvieto”.

“La Fondazione, fin dalla sua nascita, ha considerato la partecipazione nella Cassa di risparmio di Orvieto spa un asset fondamentale, strategico per lo sviluppo della città e dell’intero territorio. Da sempre, è stata aperta a collaborare con chi poteva rappresentare un valido partner per il bene della banca, con un atteggiamento rigoroso e vigile sulla gestione e sulle sorti della stessa. Tuttavia, negli ultimi anni, ha sofferto un rapporto con l’allora azionista di maggioranza Banca Popolare di Bari, difficile e chiuso a qualsiasi collaborazione e condivisione”.

La Fondazione – si legge in una nota – “alla luce di un rinnovato rapporto franco e costruttivo con l’azionista di maggioranza dell’istituto bancario cittadino ha ritenuto opportuno condividere un percorso comune all’interno del quale Cro spa è parte centrale di un progetto di rilancio e di crescita a favore dei suoi azionisti e dell’intero territorio”.

“È doveroso ricordare in questa giornata il presidente Gioacchino Messina, scomparso prematuramente lo scorso settembre, che insieme al cda della Fondazione ha lavorato in questi anni in silenzio, imprimendo uno stile di sobrietà e dialogo, ma anche di estrema fermezza prima nei confronti della vecchia compagine di BpB e, poi, dinanzi a possibili nuovi aspiranti soci, che non fornivano le sufficienti e necessarie garanzie. Se oggi si celebra un momento importante per il futuro della banca e di tutto il territorio, il merito è anche del presidente Messina che, certamente, ne sarebbe stato fiero”.

“La Fondazione Cassa di risparmio di Orvieto continuerà a svolgere, con impegno, il proprio ruolo di azionista di minoranza a garanzia e tutela del proprio patrimonio, operando in maniera aperta e collaborativa, garante degli interessi dell’ente, della banca, della città di Orvieto e dell’intero territorio di riferimento. I migliori auguri a tutti i componenti del cda di Cro spa e alle qualificate maestranze della banca per il conseguimento dei nuovi ambiziosi obiettivi; un ringraziamento ai componenti uscenti del consiglio che, in un periodo certamente non semplice, hanno saputo guidare, con professionalità e correttezza, la nostra Cassa”.

“Auguri di buon lavoro al nuovo consiglio di amministrazione della Cassa di risparmio di Orvieto”, commenta Bernardo Mattarella, ad del gruppo Mediocredito Centrale. “Le scelte compiute, in piena sintonia e collaborazione con la Fondazione, rappresentano un altro passo fondamentale per la costruzione di percorsi qualificanti e di valorizzazione delle realtà territoriali, al centro dell’attività del gruppo Mediocredito centrale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento