menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fase due a Terni, “negozi e botteghe hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo, i problemi arriveranno a settembre”

La situazione in città dopo la quarantena, parlano le associazioni di categoria: “C’è stata una generale riapertura, ma le nostre attività dovranno fare i conti con la tassazione, la mancanza di liquidità e gli ammortizzatori sociali che non arrivano”

La quarantena è finita. Ma forse, i problemi devono ancora arrivare. Se in alcune grandi città gli effetti del lockdown innescato dall’emergenza Covid sono piuttosto evidenti, a Terni le insegne di negozi, ristoranti, bar e botteghe artigianali si sono riaccese. “Si è cercato generalmente di riaprire”, dice Stefano Lupi, presidente di Confcommercio Terni. Confermando quando rilevato da Mauro Franceschini, presidente di Confartigianato imprese Terni: “Al momento, tutti hanno riaperto”.

Ma l’aspetto da sottolineare è proprio questo: al momento. “I colleghi delle Marche – rileva Franceschini – hanno cominciato a parlare allarmati di suicidi fra gli associati. Segno di una situazione difficilissima. Che da noi, ancora e fortunatamente non registriamo”. Anche perché, il tessuto economico dell’Umbria e soprattutto del Ternano è decisamente diverso. Il reticolo delle piccole e medie imprese a Terni e in provincia è sostituito da una altissima percentuale di dipendenti, soprattutto pubblici. Che hanno dunque consentito di assorbire meglio gli effetti della crisi. Il rovescio della medaglia è che il “valore aggiunto” prodotto sul territorio è nullo. E nel momento in cui il sistema privato dovesse entrare in crisi – come sta accadendo ad esempio per Ast, Treofan, Faurecia o Sangemini e Amerino – gli effetti saranno devastanti.

Franceschini rileva poi altri aspetti importanti. Il primo: l’industria manifatturiera, in particolar modo quella legata all’automotive, è in estrema difficoltà. Ne sono un esempio Ast, Tubificio, Alcantara. Il secondo: “Un bar che è stato chiuso per due mesi, magari ora sta incrementando il volume di lavoro, ma quel fatturato è perduto. Così come per parrucchieri, centri estetici e così via”. E dunque, i conti con la reale situazione si potranno fare nel momento in cui ci saranno da sistemare le scadenze – fiscali, ma non solo – oggi sospese.

LEGGI | “Situazione preoccupante, si rischiano usura e conflitti sociali”

“Si è cercato generalmente di riaprire, sia per capire le restrizioni sia per verificare misure di sostegno”, commenta Lupi. Evidenziando però che le questioni da affrontare sono tante e di notevole peso: liquidità, cassa integrazione “che non arriva”, tassazione.

“Le nostre attività sono prevalentemente a conduzione famigliare – spiega Lupi - Hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo, ma il problema si presenterà tra settembre e ottobre. È il dopo che spaventa”. La fase tre, che potrebbe drammaticamente ritornare ad essere una difficilissima fase uno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento