menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, arriva il Fondo Re-Start per le imprese dell’Umbria. Ecco come fare domanda

Micro e piccole imprese, liberi professionisti, consorzi e reti di imprese avranno due settimane di tempo per avanzare la propria richiesta

Sostenere le attività del territorio anche attraverso un fondo prestiti, fornendo così uno strumento in più per superare la crisi legata al Coronavirus.
L'avviso con le modalità di accesso ai finanziamenti agevolati del Fondo Re-Start è stato pubblicato ieri, venerdì 8 maggio, sul Bollettino Ufficiale di Palazzo Donini. 

“Il nostro scopo – afferma l’assessore regionale Fioroni - era quello di rendere disponibile in tempi brevi una misura utile a contrastare gli effetti negativi derivanti dall’emergenza economica e il Fondo Prestiti “Re-Start” è una risposta concreta, finalizzata a sostenere le attività economiche maggiormente colpite dagli effetti della crisi nella nostra regione. La previsione di concedere fino alla metà del valore del prestito come contributo nella forma di estinzione anticipata del debito in caso l’azienda realizzi determinate tipologie mira specificatamente ad incentivare la ripresa delle attività del nostro territorio".

Come funziona il fondo Re-Start e come fare domanda

Le richieste di finanziamento potranno essere presentate da Micro e Piccole imprese inclusi i Liberi Professionisti, le Società tra professionisti, i Consorzi e le Reti di Imprese esclusivamente on-line sul portale https://www.umbriainnova.it, il cui link sarà presente anche nel sito https://www.gepafin.it, accedendo alla pagina dedicata al Fondo prestiti “Re-Start”.

Le domande potranno essere compilate e presentate a partire dalle ore 13 dell’11 maggio 2020 e fino alle ore 13 del 25 maggio 2020.

Le imprese avranno quindi due settimane per presentare le domande. I finanziamenti saranno infatti concessi sulla base di una procedura valutativa con procedimento a graduatoria sulla base della riduzione del fatturato/corrispettivi e non secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domanda, potendo quindi predisporre la documentazione e la domanda avendo un congruo tempo a disposizione. È pertanto consigliabile acquisire le informazioni necessarie e procedere in tempi adeguati all’invio della richiesta completa degli elementi richiesti utilizzando tutto l’arco temporale a disposizione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di un’artigiana ternana, dal riciclo del materiale di scarto alla trasformazione in pezzi unici: “Collane, bracciali, orecchini su misura”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento