Coronavirus, la battaglia si vince con l’ozono: via alle sanificazioni

In Umbria già sottoposte al trattamento alcune caserme dei carabinieri, negozi e studi professionali. Ecco come funziona e perché è efficace per sconfiggere il Covid19

Un “fulmine” contro il Coronavirus. Strade, negozi, uffici, luoghi pubblici e case private sono in questi giorni oggetto di particolare attenzione con l’obiettivo di restringere le possibilità di contagio del Covid19.

Uno degli strumenti che si sta utilizzando sempre più spesso per le attività di sanificazione degli ambienti è l’ozono: in natura si forma grazie alle scariche elettriche durante i temporali o per l’azione dei raggi solari ultravioletti. Si tratta di un gas altamente instabile, ma con un grande potere ossidante. Questo significa che nel momento in cui entra in contatto con una materia organica, l’ozono innesca una reazione di ossidazione che garantisce di “uccidere” tutti i microrganismi viventi, come acari, batteri, virus, muffe e funghi.

Si tratta dunque di un prodotto naturale e non chimico, in grado di abbattere la carica batterica degli ambienti in cui viene utilizzato fino al 12%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Negli ultimi dieci giorni l’ozono è stato utilizzato da una azienda di Perugia, la Fisiogama, per la sanificazione di un paio di caserme dei carabinieri, negozi, studi professionali. Un’arma in più per combattere questa difficile battaglia contro i nemici “invisibili” del Coronavirus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento