Economia Centro

Coronavirus, Umbria seconda in Italia per la perdita di nuove imprese: -17%

I dati nazionali di Confesercenti: il primato spetta alla Liguria con il -18% sulle iscrizioni. I settori più colpiti turismo e commercio

L’Umbria è al secondo posto nella classifica nazionale delle regioni con il dato più negativo rispetto alle nuove imprese, durante la pandemia da Covid. Sono i dati pubblicati da Confesercenti, relativi a tutto il panorama nazionale. 

Le nuove imprese diminuiscono in tutte le regioni, anche se con differenze rilevanti a livello territoriale. A subire in proporzione l'impatto peggiore sono la Liguria (-18,4% di nuove iscrizioni), Umbria (-17,3%) e Molise, (-16,4%); i danni più contenuti sono invece in Basilicata (-8,3%), Campania (-10,2%) e Sardegna (-10,4%). Se si esamina il numero assoluto di imprese mai nate, invece, le regioni che hanno registrato i cali maggiori di iscrizioni sono quelle in cui il tessuto produttivo è di maggiori dimensioni. Maglia nera è la Lombardia, che ha visto sparire -11.469 iscrizioni. Seguono Lazio (-9.544 nuove imprese), Piemonte (-6.052), e Toscana (-6.052), anche se nessuna regione sfugge all'emorragia di nuove aperture.

Il crollo delle nascite di nuove imprese ha coinvolto tutti i settori d'attività economica, anche se con intensità differente. Circa un terzo delle nuove imprese sparite è nel commercio e nel turismo, dove rispetto al pre-covid mancano all'appello quasi 25mila attività tra commercio all'ingrosso e al dettaglio (-11.641, -13,1%), l'alloggio (-1.854, -41,9%), la ristorazione (-6.855, -32,9%) e i servizi di agenzie viaggio, tour operator e noleggio auto (-3.805, -17,3%). Perdite rilevanti di nuove aperture si registrano anche nelle attività manifatturiere (-5.924), costruzioni (-3.033), agricoltura, silvicoltura e pesca (-2.257), trasporto e magazzinaggio (-1.854). Unica eccezione le attività finanziarie e assicurative, che invece registrano un aumento di iscrizioni di nuove imprese (+1.504).

“Tra lockdown, restrizioni ed il prolungarsi dell'emergenza sanitaria, si è creata una situazione di incertezza persistente, che ha bloccato gli investimenti, innalzato le barriere d'accesso ai neo-imprenditori e fatto crollare la natalità delle imprese”, commenta la presidente di Confesercenti, Patrizia De Luise. “La mancanza di nuove attività è un problema da non sottovalutare, perché crea una lacerazione nel tessuto imprenditoriale che si farà sentire nei prossimi anni, soprattutto se dovessimo assistere ad un aumento delle chiusure delle imprese ancora esistenti a causa dell'onda lunga della crisi: molte attività hanno resistito fino ad ora, ma la loro sopravvivenza non è scontata”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Umbria seconda in Italia per la perdita di nuove imprese: -17%

TerniToday è in caricamento