Emergenza Coronavirus e solidarietà, da Unicoop Tirreno arriva la “Spesa sospesa”

Da oggi al 31 maggio i clienti potranno donare uno o cinque euro alle casse. La cooperativa raddoppierà l’importo finale e lo darà alle associazioni locali che aiutano le persone in difficoltà

Da oggi, lunedì 27 aprile, fino al 31 maggio in tutti i 98 supermercati Coop-Unicoop Tirreno in Umbria, Toscana e Lazio partirà la grande campagna di solidarietà “La spesa SOSpesa”.

Ogni cliente, una volta arrivato alla cassa, potrà donare 1 euro o 5 euro per “La spesa SOSpesa”. Il 31 maggio la cooperativa raddoppierà l’importo totale raccolto in ogni singolo punto vendita e lo destinerà alle associazioni di volontariato locali che aiutano le persone in grave difficoltà economica, con generi di prima necessità.

La campagna riprende il nome dell’antica usanza napoletana del caffè sospeso che consiste nel lasciare un caffè pagato al bar per chi non può permetterselo.

Per Unicoop Tirreno questa iniziativa si aggiunge alle altre attivate per rispondere all’emergenza Coronavirus, come il servizio gratuito di consegna della spesa a casa delle persone che non possono andare al supermercato (per le zone coperte vedere su unicooptirreno.it) in collaborazioni con Anci, Protezione Civile e le associazioni di volontariato territoriali e alla spendibilità dei buoni spesa emessi dai Comuni, che in Coop vengono scontati di un ulteriore 10%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento