Eccellenze del Ternano, ecco dove nascono gli hamburger a cinque stelle

La Cooperativa San Nicolò produce diecimila pezzi al giorno e circa tre milioni ogni anno, lavorando circa cinquanta capi di razza Chianina a settimana. Cecchini: qui passione e qualità

La visita alla Cooperativa San Nicolò

L’assessore regionale all’Agricoltura, Fernanda Cecchini, ha visitato gli stabilimenti della Cooperativa produttori carne San Nicolò di Terni, accompagnata dal direttore regionale di Fedagripesca-Confcooperative, Lorenzo Mariani.

Autentica eccellenza umbra del comparto della zootecnia bovina da carne con 45 anni di storia, la Cooperativa San Nicolò lavora nei propri stabilimenti di Montecastrilli circa 50 capi di razza Chianina ogni settimana. Alla cooperativa conferiscono i loro capi 25 allevatori soci che hanno permesso di raggiungere i 13 milioni di euro di fatturato realizzati con tutti i grandi gruppi della distribuzione nazionale.

La cooperativa è attiva anche sui mercati esteri (Olanda, Belgio, Germania, Giappone) grazie alle più avanzate tecnologie di lavorazione e confezionamento sottovuoto, skin ed in atmosfera controllata, dando lavoro a 30 persone, in gran parte donne.

“Siamo felici dell’attenzione che ci ha voluto riservare con la sua visita l’assessore Cecchini, che abbiamo accompagnato a prendere visione di tutte le fasi di lavorazione che vengono effettuate nel nostro stabilimento dove trattiamo esclusivamente bovini di razza chianina conferiti dai nostri soci”, spiega il presidente della cooperativa, Andrea Masci.

“Siamo in grado di soddisfare tutte le esigenze dei clienti con ogni tipologia di prodotto: dalla celebre bistecca fiorentina al carpaccio – prosegue il direttore della cooperativa, Massimo Pauselli -  ma siamo particolarmente orgogliosi di poter dire di essere stati tra i primi a credere qualche anno fa nelle potenzialità degli hamburger di qualità a base di carne Chianina umbra ed oggi collochiamo sul mercato circa 10.000 pezzi al giorno e 3.000.000 all’anno”.

“Come assessore regionale all’Agricoltura ho ammirato la passione e la qualità del lavoro svolto dai vertici e dagli addetti della cooperativa per valorizzare in maniera così apprezzabile una delle nostre maggiori eccellenze agroalimentari quale è la carne chianina”, ha commentato Fernanda Cecchini.

“La Regione dell’Umbria ha puntato molto sul rilancio del comparto zootecnico da carne elaborando dapprima un piano strategico regionale e collocando successivamente notevoli risorse per la cura ed il benessere animale, la tracciabilità e per valorizzare al meglio le carni pregiate umbre. Lo abbiamo fatto con la consapevolezza che un’impresa zootecnica quando chiude assai improbabilmente riapre i propri battenti. Ho la certezza però che in progetti imprenditoriali come quello che ho visitato oggi ci possano essere non solo le condizioni per far sì che le imprese zootecniche non chiudano, ma che ne nascano altre, tenuto conto del fatto che al momento la domanda del mercato di carne di qualità è in continua crescita anche per effetto del boom dell’hamburger”.

“Ritengo che sia importante valutare non solo l’aspetto prioritario della soddisfazione economica dei soci allevatori umbri che conferiscono i loro capi alla cooperativa San Nicolò – dichiara il direttore di Fedagri-Confcooperative, Lorenzo Mariani - ma anche la ricaduta occupazionale che ha visto negli anni della crisi crescere sempre i numeri dei dipendenti con il crescere costante del fatturato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Pur nella consapevolezza del momento positivo che sta vivendo la nostra cooperativa – conclude il presidente Masci – continuiamo a guardare al futuro programmando nuovi investimenti sulle strutture immobiliari e sulle attrezzature per soddisfare sempre al meglio i nostri esigenti clienti che su di noi fanno un grande affidamento per la qualità dei nostri prodotti e la serietà dimostrata sul campo. Guardiamo ai mercati internazionali ma anche alla filiera corta e recentemente abbiamo acquisito una struttura agrituristica dove andremo a promuovere e proporre agli avventori esclusivamente le nostre carni abbinate alle eccellenze agroalimentari del territorio umbro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

  • Tragedia a Terni, rinvenuto dalla polizia di Stato cadavere di un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento