rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Economia Centro / Via Montefiorino

Le aziende che battono la crisi, ecco Effemedica: “Non solo cure, ma ricerca del benessere del paziente”

Dai prelievi alla medicina dello sport, il centro medico ha aperto a Terni appena prima dello scoppio dell’emergenza Covid: “Siamo stati stimolati dal lockdown”

A gennaio di due anni fa, appena dopo il taglio del nastro sui circa quattrocento metri quadrati del centro medico che si sviluppa al piano superiore del Cospea 2 a Terni, nessuno avrebbe mai potuto immaginare che di lì a poco il mondo sarebbe precipitato dentro l’emergenza Covid. “Ma non ci siamo fatti scoraggiare. Anzi, siamo stati stimolati dal lockdown”.

L’avvocato Francesco Castaldi, romano di nascita e ternano di adozione, è il direttore generale di Effemedica: cinque ambulatori medici, un punto prelievi, visite specialistiche, medicina dello sport, ozono terapia e tanto altro nella struttura diretta da Gaetano Pagnotta, già primario dell’ortopedia pediatrica all’ospedale Bambino Gesù di Roma. Soprattutto, otto contratti a tempo indeterminato. “Perché il precariato non funziona. Nessuno può fare progetti se sa di essere a tempo determinato”, ci tiene a sottolineare l’imprenditore.

“In Effemedica abbiamo sviluppato un modello innovativo diverso: il nostro obiettivo non è soltanto quello di curare, ma di ricercare il benessere del paziente”. Nasce così un percorso personalizzato per ogni utente della struttura per “educare le persone ad uno stile di vita corretto”. Attenzione questa che si rivela particolarmente importante per chi deve fare i conti con le pesanti conseguenze del “long Covid”. Ma che, più in generale, garantisce ad ognuno di avere non solo quella prestazione di cui ha bisogno al momento, ma un ventaglio di attività ritagliate sulle sue esigenze.

Innovazione, strumenti all’avanguardia, servizi personalizzati come quello che prevede il trasporto gratuito per i pazienti nel caso in cui siano impossibilitati a raggiungere il centro medico in maniera autonoma. E investimenti importanti in comunicazione.  

“L’imprenditore che resta dietro la saracinesca della sua impresa non va da nessuna parte”. E invece Effemedica vuole crescere e “consolidarsi oltre il territorio di Terni”. Scommettendo sulle “eccellenze” che qualificano la città e che “sono straordinarie”. Innovando, anche in questo caso, e rivoluzionando il concetto di competizione. “Cum-petere”, dice Castaldi, citando il latino. “Andare insieme, perché fare sistema è la cosa migliore”.

E poi le “iniziative di solidarietà”. “Siamo tra gli sponsor della Ternana calcio, ma abbiamo anche fatto diverse cose per dimostrare la nostra vicinanza a questa città, a cui dobbiamo dire grazie”.

Fino al tema che in questi mesi e settimane tiene banco a Terni e nel resto della regione: il rapporto tra sanità pubblica e privata. “La nostra convinzione è che può e deve esserci uno scambio sinergico tra pubblico e privato per dare a tutti indistintamente la possibilità di curarsi senza notevoli costi ma soprattutto con tempi più celeri. L’auspicio è cercare di raggiungere l’eccellenza e l’ottimizzazione dei processi di qualità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le aziende che battono la crisi, ecco Effemedica: “Non solo cure, ma ricerca del benessere del paziente”

TerniToday è in caricamento