Venerdì, 30 Luglio 2021
Economia

Svolta per i precari dell’Eskigel: stop all’aggravio contributivo per i lavoratori stagionali. Ciprini: “Ora non ci sono più scuse per i rinnovi”

“La società Eskigel potrà procedere al rinnovo dei contratti a tempo determinato e godere dell’esonero dal contributo addizionale per le attività stagionali” ha dichiarato la deputata del Movimento cinque stelle

Un impegno congiunto volto a tutelare soprattutto i lavoratori precari di Eskigel oltre che turismo e trasporto scolastico. Gli onorevoli umbri, lo scorso 27 luglio, avevano partecipato ad una riunione organizzata nella sede della Cisl. L’intento delle sigle Nidil Cgil, Felsa Cisl e Uiltemp e dei rappresentanti degli agro-alimentaristi, è stato quello di dare visibilità ai lavoratori che rischiano di essere invisibili e subire più di altri le conseguenze del Coronavirus.  

Le novità e le dichiarazioni di Tiziana Ciprini

La circolare dell’Inps, datata 4 agosto, è intervenuta per delineare l’ambito di applicazione dell’esonero dal contributo addizionale previsto, per ciascun rinnovo per i contratti di lavoro a tempo determinato, anche per lo svolgimento di attività stagionali. A tal proposito Fai, Cisl Felsa, Cisl Flai, Cgil Nidil, Cgil Uila, Uil Uiltemp, Uil e le Rsu/Rsa hanno potuto apprendere dell'esclusione degli aggravi contributivi dello 0,5 per gli stagionali, in particolare per i dipendenti Eskigel. Un risultato atteso commentato in questi termini dall’onorevole Tiziana Ciprini: “Ora anche la società di Terni non ha più scuse e potrà procedere al rinnovo dei contratti a tempo determinato e godere dell’esonero dal contributo addizionale per le attività stagionali. Invito, pertanto, le parti sociali ad applicare la circolare dell’Inps e sviluppare tutte le potenzialità previste dalla suddetta circolare per garantire la continuità lavorativa agli stagionali dell’Eskigel e il mantenimento dei livelli occupazionali”.

“A fine mese di agosto – hanno aggiunto le organizzazioni sindacali - effettueremo un passaggio tramite incontro con l'azienda, per verificare le nuove disposizioni e creare un bacino di lavoratori con diritto di precedenza a tutela delle persone che da anni lavorano in azienda”.

Cosa cambia dopo la legge 160 del 2019

“L’Istituto ha chiarito testualmente – sottolinea Ciprini - che ‘ai contratti di lavoro a tempo determinato, stipulati a decorrere dal 1° gennaio 2020 per lo svolgimento delle attività stagionali definite dagli avvisi comuni e dai contratti collettivi nazionali stipulati entro il 31 dicembre 2011 dalle organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative’, non si applica il contributo addizionale NASPI né, conseguentemente, l’incremento previsto in occasione di ciascun rinnovo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Svolta per i precari dell’Eskigel: stop all’aggravio contributivo per i lavoratori stagionali. Ciprini: “Ora non ci sono più scuse per i rinnovi”

TerniToday è in caricamento