rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Economia

Ok al bilancio della Fondazione Carit: "Numeri positivi per il rilancio del territorio"

Il presidente Luigi Carlini fa il punto sul documento economico e finanziario: "Emergenza Covid ha complicato tutto ma ora serve ripartire"

La Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni ha approvato il bilancio consuntivo 2021. Rispetto al bilancio consuntivo 2020, l’avanzo dell’esercizio è risultato superiore di oltre 7,7 milioni di euro, determinato in parte dal risultato della negoziazione di strumenti finanziari, in parte da alcuni dividendi azionari incassati. L’avanzo ammonta complessivamente a 30,2 milioni di euro.
Nel corso del 2021 la Fondazione ha accolto con esito positivo 138 richieste provenienti da bandi generali e tematici a sostegno di iniziative di forte sviluppo nei propri settori di intervento (ricerca scientifica, arte e cultura, sanità, istruzione, volontariato e sviluppo locale); ha realizzato 76 iniziative proprie, operando come promotore di reti e collaborazioni, favorendo momenti di dialogo e di confronto con le istituzioni, le associazioni e le organizzazioni del terzo settore. Le disponibilità erogative per l’anno 2022 ammontano a 16.959.439 euro. 
"La nostra Fondazione - ha spiegato il presidente Luigi Carlini alla conferenza stampa di presentazione - dopo essere stata nel 2020 una delle
prime fondazioni bancarie italiane a mettere in campo risorse e azioni, stanziando consistenti “Fondi Covid-19” per l’acquisto di strumentazioni per aiutare il presidio sanitario locale nella prima fase di emergenza, nel 2021 ha inteso attuare soprattutto politiche volte alla ripresa sociale, economica e sanitaria del territorio. L’intervento più significativo in tal senso è stato deliberato a dicembre quando, in corrispondenza di un nuovo peggioramento della pandemia, la Fondazione ha prontamente fornito 431 sanificatori alle scuole primarie del territorio. Un’azione immediata e mirata, che ha registrato una grande soddisfazione tra il personale docente e le famiglie. Da ricordare ovviamente il Capodanno Rai, organizzato con il fondamentale contributo della Fondazione Carit, evento che ha lanciato Terni nel panorama nazionale e internazionale".
“Il bilancio - ha proseguito Carlini - descrive quest’anno l’attività di un esercizio difficile e complesso. La pandemia ha cambiato la vita delle persone, delle organizzazioni e delle istituzioni e quindi della comunità; inoltre, ha generato una grande depressione economica con forti conseguenze per i mercati finanziari. In questo scenario anche la nostra Fondazione si è trovata di fronte alla necessità di interpretare le grandi trasformazioni in
atto con nuovi modelli di intervento sul territorio e con strategie dinamiche e flessibili nell’ambito degli investimenti finanziari. Il bilancio consuntivo costituisce da sempre un momento molto significativo nella gestione di una fondazione di origine bancaria, in quanto da un lato descrive come sono state impiegate le risorse rivenienti dalla gestione patrimoniale, dall’altro rappresenta la sintesi del lavoro svolto in un anno solare a favore
della comunità e del territorio grazie alla partecipazione collegiale degli organi tutti e dello staff”.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ok al bilancio della Fondazione Carit: "Numeri positivi per il rilancio del territorio"

TerniToday è in caricamento