menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Balzo in avanti dell'inflazione, Terni supera la media nazionale

L'accelerazione è dovuta soprattutto a fattori stagionali ed esterni

I Servizi statistici del Comune di Terni hanno pubblicato il comunicato mensile riguardante l'andamento dei prezzi nel territorio di Terni.

Nel mese di agosto  a Terni  c'è ancora una variazione congiunturale positiva e un dato tendenziale dell’inflazione pari a +1,9%,  in flessione rispetto al +2,1% di luglio. Le variazioni dei prezzi sono state abbastanza contenute ad eccezione di quelle dei prodotti e dei servizi i cui prezzi  sono legati al periodo di ferie. Infatti ci sono stati incrementi sugli stabilimenti balneari, sui trasporti marittimi e ferroviari, sui voli aerei,  sui pacchetti vacanze nazionali ed esteri.  La variazione congiunturale della divisione Servizi ricettivi e di ristorazione è invece negativa in quanto pari a-0,6 

Molte oscillazioni hanno riguardato i prodotti freschi del capitolo Alimentari e bevande analcoliche; sono in notevole diminuzione i prezzi dei prodotti che sono tipici di questa stagione, i prezzi di alcuni prodotti ittici freschi, i grassi vegetali e l'olio di oliva mentre ci sono stati aumenti per formaggi, caffè e cacao. 

COMUNICATO - ANDAMENTO DI PREZZI

Le divisioni di spesa che hanno fatto registrare un incremento superiore a quello dell’inflazione sono 4:  altri beni e servizi + 5,4%, trasporti +4,0% , prodotti alimentari, bevande alcoliche e tabacchi i cui prezzi sono cresciuti in media del 2,7%  e carburanti che sono cresciuti su base annua di oltre il 10%. 

I dati dell'inflazione a Terni sono  superiori a quelli italiani in cui l'inflazione accelera, oltre le attese. Secondo le stime preliminari dell'Istat, ad agosto l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività, al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,5% su base mensile e dell'1,7% su base annua (da +1,5% di luglio). Le attese, elaborate in un sondaggio Reuters, indicavano un rialzo dello 0,2% su mese e dell'1,4% su anno. L'aumento dell'inflazione si deve in prevalenza ai prezzi dei servizi relativi ai trasporti (il cui tendenziale si porta da +1,7% di luglio a +2,9%) e dei beni alimentari lavorati (da +1,8% a +2,3%).

L'inflazione accelera in Italia, oltre le attese. Secondo le stime preliminari dell'Istat, ad agosto l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,5% su base mensile e dell'1,7% su base annua (da +1,5% di luglio). Le attese, elaborate in un sondaggio Reuters, indicavano un rialzo dello 0,2% su mese e dell'1,4% su anno. L'aumento dell'inflazione si deve in prevalenza ai prezzi dei servizi relativi ai trasporti (il cui tendenziale si porta da +1,7% di luglio a +2,9%) e dei beni alimentari lavorati (da +1,8% a +2,3%).

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento