menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Narni scalo

Narni scalo

Lavoratori a rischio cassa integrazione in azienda ternana: “Autorizzazioni richieste tardano ad arrivare”

“Le giuste prescrizioni contro l’inquinamento rischiano di ricadere sulle spalle dei lavoratori” osservano Filt Cgil e Ugl

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Filt Cgil e Ugl

“Ancora una volta le giuste prescrizioni contro l'inquinamento e per il rispetto dell'ambiente rischiano di ricadere sulle spalle dei lavoratori. La vicenda è quella della Setras di Narni Scalo, azienda impegnata nel trasporto di prodotti liquidi in cisterna, dove il necessario rinnovo dell'impianto di lavaggio dei mezzi, finalizzato proprio a migliorare l'impatto ambientale, è bloccato a causa di ritardi nelle autorizzazioni da parte degli enti preposti (Comune, Asl, Ania, etc.) e questo potrebbe portare alla richiesta dell'attivazione della cassa integrazione per alcuni dipendenti.  

La notizia è stata comunicata dalla stessa azienda ai sindacati, Filt Cgil e Ugl, in un incontro che si è svolto lo scorso 31 gennaio. “L'amministratore di Setras ossia Amedeo Giovannini, ci ha riferito che le autorizzazioni richieste tardano ad arrivare – spiegano Andrea Tamburini, della Filt Cgil Umbria e Maurizio Magnaterra della Ugl – e questo ci preoccupa fortemente visto che la conseguenza, sempre secondo l'azienda, potrebbe essere la messa in cassa integrazione di alcuni dipendenti. Per questo, onde evitare questa ipotesi o qualcosa di peggio – concludono i due sindacalisti - chiediamo che gli enti preposti al controllo e al rilascio delle autorizzazioni facciano in modo di accelerare il processo e che l'azienda non faccia ricadere sui lavoratori il peso di responsabilità che non sono certo le loro”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento