rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Economia

Ast, Giorgetti incontra Arvedi: “Idrogeno, siamo all’ultimo miglio”

Il ministro dello Sviluppo Economico a Terni per al tavolo insieme alla nuova proprietà e alle istituzioni: “Serve anche una decisione forte dall’Europa”

“Il futuro è l’idrogeno e stiamo andando in quella direzione anche per il sito di Terni. La situazione è complicata, ma contiamo di chiudere per il decreto aiuti nei prossimi giorni”. Così il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti incontrando i giornalisti al termine dell’incontro tenuto in viale Brin, nella sede dell’Ast. Ad accoglierlo il Cavalier Giovanni Arvedi, la presidente della Regione Donatella Tesei, il sindaco di Terni Leonardo Latini, il vicesindaco Benedetta Salvati, la presidente della Provincia Laura Pernazza e l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Michele Fioroni. 

Prima l’incontro con il cavalier Arvedi, poi la visita in fabbrica e poi una conferenza stampa prima di ripartire in direzione Roma. “Stiamo affrontando con pazienza tutti i nodi - ha spiegato Giorgetti - anche se la situazione è molto complicata per tutte le questioni che si sono sommate in questi giorni. Ma con pazienza affrontiamo tutto. Anche qui su Terni stiamo andando nella direzione dell’idrogeno, è una parte importante anche per il rilancio di questo sito. Da questo punto di vista, possiamo dire che una parte dei fondi arriverà dal Pnrr e siamo in una fase avanzatissima, anche se al momento il percorso è un pò più complicato dal conflitto in Ucraina”.  

Per quanto riguarda l’accordo di programma per Ast “per quanto riguarda il Mise siamo già al traguardo”, ha spiegato Giorgetti. “Per il percorso che riguarda l’idrogeno e il Pnrr siamo all’ultimo miglio”. 

In questi giorni al governo si gioca anche la partita decisiva dei nuovi pacchetti di aiuti anche per le imprese, con il secondo decreto in fase di approvazione. “Entro giovedì contiamo di arrivare alla conversione - ha spiegato Giorgetti - ma allo stesso tempo spero che l’Unione Europa prenda una decisione in fretta in questo senso. Ho letto che la prossima riunione utile è stata convocata al 30 settembre. Ad oggi il prezzo dell’energia non è compatibile con il settore dell’acciaio così come altri settori, in Italia e in Europa”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ast, Giorgetti incontra Arvedi: “Idrogeno, siamo all’ultimo miglio”

TerniToday è in caricamento