Venerdì, 25 Giugno 2021
Economia

Chiude lo sportello della banca, scatta la raccolta di firme di commercianti e cittadini

Porano, via la filiale della Cassa di risparmio di Orvieto. L’amministrazione comunale: un danno ulteriore per i nostri territori, decisione che sa di beffa

Qualche settimana fa, i sindaci della zona sociale dell’Orvietano avevano lanciato l’allarme sulla possibile chiusura di alcune filiali sul territorio della Cassa di risparmio di Orvieto. Oggi, sembra che quelle preoccupazioni si siano concretizzate a seguito delle decisioni assunte dal consiglio di amministrazione della banca e inserite nel piano industriale.

“La prevista chiusura di alcune filiali presenti da anni sul nostro territorio comprensoriale, tra le quali quella di Porano – scrive in una nota l’amministrazione comunale del municipio dell’Orvietano - danneggerà ulteriormente i nostri Comuni già da tempo alle prese con strutturali problemi di carenza di servizi e quindi di spopolamento, tanto da essere inserite in quanto aree degradate nel contesto della strategia dell’area interna sud-ovest dell’Orvietano”.

“La presenza di una filiale della Cassa di risparmio da sempre costituisce un punto di riferimento per cittadini e piccole e medie imprese, oltre a rappresentare un servizio di particolare utilità soprattutto per la popolazione anziana che incontra maggiori difficoltà nell’adeguarsi alle innovazioni tecnologiche anche in questo settore. E ricordiamo che i nostri territori presentano un indice di invecchiamento, e quindi di cospicua presenza di anziani, tra i più alti d’Italia”.

“Ma la presenza sul territorio di una filiale – rileva ancora la Giunta di Porano - ha altresì costituito negli anni una grossa opportunità di sviluppo anche per lo stesso istituto bancario, concetto che in realtà era stato ribadito anche al momento dell’insediamento del nuovo cda all’inizio del mese di febbraio. In quell’occasione le dichiarazioni ufficiali parlarono di concetti quali ‘tutela e rilancio del territorio’, un annuncio che, alla luce di quanto sta avvenendo, sa di beffa”.

“Il nostro rammarico è ancora maggiore per il fatto che queste decisioni non siano state minimamente annunciate o anticipate ai sindaci dei Comuni interessati, ma la conoscenza che ne abbiamo deriva esclusivamente da altre fonti che ovviamente non fanno riferimento a chi tali decisioni ha adottato”.

“Come sindaci della zona sociale ci siamo recentemente rivolti alla Fondazione Cassa di risparmio, da sempre il nostro interlocutore territoriale, per capirne di più e per chiedere un incontro con il consiglio di amministrazione dell’istituto, e siamo in attesa che ciò avvenga”.

“Ci fa estremamente piacere – nota ancora l’amministrazione comunale - che, oltre alla battaglia politica che riteniamo debba coinvolgere anche i livelli regionali in maniera trasversale considerata l’importanza della vicenda, anche i cittadini ed i commercianti di Porano abbiano intrapreso un’azione di raccolta firme a sostegno del necessario mantenimento della filiale sul nostro territorio per un servizio che riteniamo fondamentale per la comunità ma anche per i residenti di alcune frazioni del Comune di Orvieto confinanti con Porano”.

“Come giunta condividiamo e sottoscriveremo personalmente il documento dei cittadini perché l’obiettivo e le finalità sono i medesimi. Confidiamo negli spazi per un negoziato con i vertici della Cassa di risparmio che possa rivalutare gli effetti che tale vicenda produrrà sui nostri territori”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiude lo sportello della banca, scatta la raccolta di firme di commercianti e cittadini

TerniToday è in caricamento