Economia

Sciopero dei lavoratori di elettrico, gas-acqua e igiene ambientale. Iniziativa a Terni: “Rischio desertificazione dei servizi pubblici essenziali”

L’iniziativa organizzata dalla Filctem Cgil, Femca Cisl, Flaei Cisl, Uiltec Uil, Fp Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti mediante un presidio sotto la Prefettura di Terni

foto di repertorio

Un duplice presidio quello che si è svolto a Perugia e Terni, sotto le rispettive prefetture, nel corso della giornata di mercoledì 30 giugno. Ad organizzare l’iniziativa i sindacati di Filctem Cgil, Femca Cisl, Flaei Cisl, Uiltec Uil, Fp Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, a seguito dello sciopero dei settori elettrico, gas, acqua e igiene ambientale per chiedere la modifica dell’articolo 177 del Codice degli appalti. Un provvedimento che, a partire dal prossimo anno, potrebbe obbligare le imprese che gestiscono in concessione settori strategici come il gas-acqua, l'elettrico ed i rifiuti ad esternalizzare l'80% delle attività con conseguenze sociali e ricadute occupazionali pesantissime. A queste ricadute si aggiungerebbero inevitabilmente disservizi nella gestione di servizi essenziali.

A seguito dei presidi sotto le prefetture di Perugia e Terni le delegazioni sindacali sono poi state ricevute dai prefetti, ai quali sono state ribadite le richieste alla base della mobilitazione. Nello specifico la cancellazione dell’articolo 177 del Codice degli appalti, perché la sua applicazione, prevista a partire dal 31 dicembre 2021, obbligherebbe le aziende concessionarie ad esternalizzare l’80% delle attività con importo superiore ai 150mila euro, anche nei casi in cui vengano svolte dal proprio personale. Una norma che avrà ricadute drammatiche sul personale delle aziende elettriche, del gas-acqua e dell’igiene ambientale.

“Il rischio - affermano i sindacati di categoria - è la desertificazione e la destrutturazione dei servizi pubblici essenziali, lo smembramento delle aziende più importanti che finora hanno garantito un’attività altamente qualificata, la destrutturazione dei contratti nazionali. A perdere il lavoro saranno quelle persone che hanno aiutato il Paese nel momento più buio, garantendo durante la pandemia la piena efficienza dei servizi elettrici, del gas e della raccolta dei rifiuti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero dei lavoratori di elettrico, gas-acqua e igiene ambientale. Iniziativa a Terni: “Rischio desertificazione dei servizi pubblici essenziali”

TerniToday è in caricamento