rotate-mobile
Sabato, 3 Dicembre 2022
Economia

Carrello della spesa da record, Terni si conferma ancora tra le città più care d’Italia

Le rilevazioni dell’ufficio statistica di Palazzo Spada: alimentari e bevande aumentati del 15% in un anno, sono stati i carburanti a “dare il via alla fase inflattiva”. Diminuiscono solo abbigliamento e calzature

Bisogna tirare la cinghia. E per fortuna, abbigliamento e calzature costano meno a Terni che nel resto d’Italia. Perché a guardare tutto il resto, c’è davvero poco da sorridere.

Terni si conferma tra le città più care d’Italia, in modo particolare per ciò che riguarda i prezzi di alimentari e bevande, capitolo “che ha subito nel corso dell’ultimo anno un impatto maggiore in termini di rincari: in città ad ottobre 2021 l’inflazione calcolata per i beni alimentari era pari a 0,6%, oggi l’inflazione calcolata su tale capitolo è arrivata a +15,9%, ciò vuol dire che tra il 2020 e il 2021 i prezzi erano rimasti pressoché stabili mentre nell’ultimo anno il carrello della spesa ha subito in media rincari pari al 15,9% (media nazionale pari a 13,1%)”.

Questa l’analisi sulla base dei dati raccolti dai servizi statistici del Comune di Terni e pubblicati sul bollettino di ottobre che rileva come, in particolare tra i prodotti alimentari, lo scorso mese si siano registrati rincari “soprattutto per latticini, verdura, carne e pesce scende invece il prezzo della frutta fresca”.

Il bollettino rileva dunque che “l’inflazione a Terni, nel mese di ottobre, aumenta in maniera significativa e si attesta a +12,3%, più alta rispetto all’anticipazione nazionale dello scorso 28 ottobre pari a +11,9% (dall’ 8,9% di settembre). La variazione congiunturale, ovvero rispetto a settembre, è pari a +3,5% (+3,5% a livello nazionale)”.

“Come nel resto d’Italia”, anche a Terni “la forte accelerazione dell’inflazione registrata ad ottobre si deve soprattutto ai prezzi dei beni energetici in particolare i rincari registrati per il gas e energia elettrica come conferma il dato del capitolo abitazione, acqua, elettricità e combustibili che segna un +27,3% su base mensile e +64,3 su base annua”.

Ma è sul carrello della spesa, quindi sulla vita quotidiana, che l’impatto è stato più forte. “Analizzando i dati relativi alle città del centro Italia che effettuano la rilevazione dei prezzi per conto dell’Istat (Viterbo, Perugia, Arezzo, Ancona, Macerata, Roma, Firenze ecc) e anche di città medie del nord e sud Italia – è spiegato nel bollettino - Terni nell’ultimo anno per i beni alimentari e le bevande è quella che registra aumenti di prezzo più alti”. Il bicchiere mezzo pieno si osserva tenendo in considerazione che “la rilevazione registra gli aumenti che hanno subito i prezzi dei prodotti e non il livello dei prezzi, pertanto non necessariamente i prezzi registrati a Terni sono più alti che in alte città, semplicemente hanno registrato il maggiore incremento nell’ultimo anno”. Ma non è poco.

“I prezzi dei carburanti invece, tra il 2020 e il 2021, erano cresciuti addirittura più che nell’ultimo anno – dicono i servizi statistici - anticipando e dando avvio già più di un anno fa all’attuale fiammata inflattiva”.

Unica, magra consolazione: “Per quanto riguarda il capitolo relativo ad abbigliamento e calzature, a Terni i prezzi invece nell’ultimo anno sono cresciuti in media meno che nelle altre città che sono state comparate”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carrello della spesa da record, Terni si conferma ancora tra le città più care d’Italia

TerniToday è in caricamento