SPECIALE EUmbria- Fondi europei per la “ricostruzione” post terremoto: gli obiettivi a più di due anni dal sisma

Le risorse a disposizione ammontano a 56 milioni da spendere entro la fine del 2023 per potenziare edilizia, innovazione e competitività delle imprese

Articolo realizzato nell’ambito del Progetto FISE-Europe Direct Terni – Comune di Terni – Università di Perugia, con il cofinanziamento della Commissione Europea

eumbriatoday-logo-2

A partire dagli eventi sismici che hanno colpito il Centro Italia dal 24 agosto 2016, il governo italiano ha dichiarato lo stato di emergenza, che consente di emanare misure speciali per scongiurare pericoli imminenti. Il provvedimento, adottato dal consiglio dei ministri il 25 agosto 2016, resterà in vigore fino al 31 dicembre 2020.

Le conseguenze del sisma, che ha colpito in larga parte l’Umbria, sono state disastrose ed hanno avuto un pesante impatto sul comparto produttivo, tanto da suscitare l’intervento anche dell’Unione europea.

Vista la gravità dell’evento, infatti, la Commissione europea ha assegnato all’Italia risorse addizionali della politica di coesione europea, per il triennio 2017-2020, con 200 milioni di euro destinati ai territori delle quattro Regioni dell’Italia centrale (Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria), colpite dal terremoto nel 2016 e 2017. Ai finanziamenti provenienti dall’Europa, lo Stato ha aggiunto un ulteriore 50%, per complessivi 400 milioni di euro destinati al Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR).

Nello specifico, quindi, l’Umbria ha a disposizione 56 milioni di euro, di cui 28 milioni dati dalla Commissione europea e 28 milioni dallo Stato: i fondi sono arrivati nel 2018, e devono essere spesi entro cinque anni, ossia entro il 2023.

Sulla base di questi finanziamenti, la Regione Umbria ha individuato alcuni obiettivi da raggiungere e le relative azioni da compiere: alcuni punti riguardano esclusivamente il “cratere”, ovvero le aree colpite dal terremoto, in particolare i 14 comuni dell’Area Valnerina più il Comune di Spoleto; altri punti interessano invece anche i comuni fuori dal “cratere”.

Questi obiettivi, come si può leggere nell’Asse 8 del programma operativo del POR FESR 2014-2020, sono:

  1. promozione di nuovi mercati per l’innovazione;
  2. consolidamento, modernizzazione e diversificazione dei sistemi produttivi territoriali;
  3. riduzione dei consumi energetici negli edifici e nelle strutture pubbliche o ad uso pubblico, residenziali e non residenziali e integrazione di fonti rinnovabili;
  4. riduzione del rischio incendi e del rischio sismico;
  5. miglioramento delle condizioni e degli standard di offerta e fruizione del patrimonio nelle aree di attrazione naturale;
  6. miglioramento delle condizioni e degli standard di offerta e fruizione del patrimonio culturale, nelle aree di attrazione;
  7. riposizionamento competitivo delle destinazione turistiche.

Vediamo dunque che gli obiettivi regionali riguardano punti molto diversi tra loro, dalla promozione dei “Living labs”, ovvero dei centri di sperimentazione di ambienti di innovazione, alla ricostruzione della basilica di San Benedetto a Norcia, per la quale sono stati messi a disposizione 5 milioni; dalla messa in sicurezza di edifici pubblici contro il rischio sismico, fino al tentativo di ripresa del turismo, aspetto fondamentale per l’Umbria. Proprio riguardo al turismo, fortunatamente sta ripartendo, dopo il brusco calo conseguente al terremoto: dai primi riscontri sembra infatti esserci una buona ripresa, anche se questa non sta ancora interessando i Comuni colpiti dal sisma.

Europe Direct Terni

B_EuropeDirect-Centre-FondB modificato-2

Leggi gli altri articoli di EUmbria

Imprese umbre sempre più attente all'ambiente

Abitudini e sprechi alimentari, Umbria all'avanguardia

Dall'Europa arrivano i corsi Stronger Families

I fondi dell'Unione europea per il rilancio del turismo rurale

Assistenza sanitaria transfrontaliera: anche gli umbri possono usufruirne

 L’eccellenza europea a Scienze politiche: al via le iscrizioni alla Cattedra Jean Monnet

“Cic to Cic”, integrazione da primato

Sesso e bulli: ecco le trappole della Rete per i più piccoli

Congedo di paternità, novità per tutti i papà umbri

Migranti e accoglienza, ecco come funziona lo Sprar di Terni

FISE-EUmbria, un progetto per portare l''Europa a casa tua

Dalla Bicocca di Milano a Sant’Anatolia per fare la tesi sugli “ecomusei”, che salvano comunità e tradizioni

L’Europa finanzia “le imprese culturali e creative”: 3 milioni per il primo bando in Umbria

Un Terremoto di Solidarietà dopo quello di macerie: giovani da tutta Europa per aiutare Norcia

Terni e Foligno tra carri e toques blanches: l'Umbria nell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale

L’Unione europea sostiene il microcredito locale tramite la Regione: dal 3 dicembre le richieste

“Ecco come sarà ricostruita la Basilica di San Benedetto a Norcia: dalla Ue tanti fondi di solidarietà”

Nel 2019 si vota per il rinnovo del Parlamento Europeo: ecco come esprimere un voto informato e libero

Unione Europea e futuro: una tre giorni a Perugia per avvicinare i giovani al mondo del lavoro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia della follia: uccide moglie e figlia e poi si suicida

  • Maltempo su Terni e provincia, allagamenti e disagi: ragazza al sicuro prima dell'arrivo della piena

  • Il sindaco Latini chiama a casa dei ternani: “Il comune ha attivato un nuovo servizio”

  • L’acciaio, la città operaia e il trionfo della Lega: il “caso” Terni fa il giro d’Europa

  • Incidenti stradali, a Terni il triste primato delle strade più pericolose dell’Umbria: ecco quali sono

  • Trova a terra un portafoglio con 800 euro e lo restituisce al proprietario, protagonista della buona azione Francesco Ferranti

Torna su
TerniToday è in caricamento