rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Economia

Area di crisi complessa Terni-Narni, l’annuncio: “Disponibili le risorse per gli ammortizzatori sociali”

L’assessore allo sviluppo economico Michele Fioroni: “Incontro per Treofan il prossimo 23 dicembre”

Una strumentazione dedicata, in grado di poter accompagnare vertenze e situazioni di crisi. L’assessore regionale allo sviluppo economico Michele Fiorini annuncia che, per l’anno 2023: “Saranno disponibili le risorse per gli ammortizzatori sociali finalizzati al recupero dei piani occupazionali nelle aree di crisi industriale complessa, tra cui quella di Terni-Narni”.

Secondo Michele Fioroni: “Si tratta di un provvedimento su cui come Regione Umbria abbiamo chiesto al Ministro del Lavoro Marina Calderone una particolare sensibilità e che con soddisfazione abbiamo visto riscontrata, con l’inserimento di una specifica previsione al comma 2 dell’articolo 61 della legge di bilancio, per il 2023 presentata dal Governo al Parlamento. L’attivazione di ammortizzatori sociali specifici per le aree di crisi industriale complessa, come nel caso di Terni-Narni, risponde alla necessità di corrispondere ai progetti di reindustrializzazione, come nel caso di Treofan, una strumentazione dedicata in grado di poter accompagnare vertenze e situazioni di crisi rispetto all’impatto sociale”.

Ed ancora: “Il volume delle risorse disponibili per la Regione Umbria, sia con riferimento alle assegnazioni degli scorsi anni, sia con riferimento alle assegnazioni che interverranno con riferimento alla legge di bilancio, ci consentiranno – afferma l’assessore - di dispiegare al meglio le politiche di supporto regionale in tema di sostegno al reddito dei lavoratori e di offerta di politiche attive e formazione oltre che di contribuzione agli investimenti essenziali per la soluzione della vertenza Treofan. È previsto - conclude Michele Fioroni - un incontro presso il Ministero dello Sviluppo Economico e del Made in Italy, per il 23 dicembre prossimo”.

Intervento Filipponi

Il capogruppo Pd Francesco Filipponi, dichiara a riguardo: “Alla commissione di giovedì sulla Treofan avevamo detto che la speranza di reindustrializzazione può rimanere aperta solo grazie allo strumento di area di crisi complessa e alla cassa integrazione legata a quest'ultimo. A distanza di oltre un anno non si ha notizia del concreto finanziamento legato alla legge 181, della proroga dell’accordo di programma per i 17 comuni coinvolti. Inoltre avevamo di conseguenza chiesto la proroga della cassa integrazione possibile ancora per area di crisi complessa. A distanza di un giorno è arrivata una risposta dell'assessore Fioroni che avrebbe potuto essere presente alla commissione invece che farlo tramite la stampa”.

Ed ancora: “La cassa integrazione prorogata può essere solo lo strumento non la soluzione, nel frattempo occorre formalizzare l'accordo per una nuova industrializzazione. Rispetto da ultimo a chi da una parte critica la giunta regionale insieme a noi, dall'altra pontifica non si può cantare e portare la croce, giocando due parti in commedia. Occorre che durante l'incontro del 23 si chiariscono tutti gli aspetti legati al prossimo futuro di Treofan. Da ultimo ancora una volta a tutti I lavoratori coinvolti che dopo tre anni lottano per il sacrosanto diritto al lavoro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Area di crisi complessa Terni-Narni, l’annuncio: “Disponibili le risorse per gli ammortizzatori sociali”

TerniToday è in caricamento