rotate-mobile
Economia

Sangemini, il giorno della verità: le anticipazioni sul summit azienda-sindacati

In corso l’incontro nello stabilimento, i primi dettagli del piano industriale: nuova linea vetro e beverage, riammodernamento degli impianti. Incognita personale

Come un delicato intervento chirurgico, azienda e sindacati sono riuniti attorno al tavolo “operatorio”. Sul quale è steso il paziente, ossia il futuro della Sangemini acque minerali.

Da oltre tre ore, management aziendale e rappresentanti dei lavoratori stanno discutendo sul piano industriale presentato da Acque minerali d’Italia dopo l’incontro disertato venerdì in Confindustria a Terni.

Dalle prime anticipazioni, l’azienda avrebbe manifestato la volontà di mettere in campo un piano di investimenti che punterebbe su tre elementi fondamentali. Il primo: riammodernare gli impianti esistenti nello storico stabilimento di San Gemini. Il secondo: ampliare la produzione con una linea vetro così come chiesto anche dai sindacati e dunque puntare ad estendere la commercializzazione anche al settore della ristorazione. Terzo punto: trasformare la attuale linea “C” in una linea dedicata al beverage, con bibite, aperitivi ed altri prodotti di alta fascia. Diversificando la produzione e dunque tentando di aggredire altri settori di mercato.

L’elemento ora dirimente è legato al tema del personale. I rumors delle scorse settimane di vigilia hanno lasciato intendere la possibilità di attivare la cassa integrazione per una trentina di lavoratori. Tema, questo, che sarebbe ora al centro della trattativa.

Aggiornamenti a seguire  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sangemini, il giorno della verità: le anticipazioni sul summit azienda-sindacati

TerniToday è in caricamento