Economia Centro

Servizi educativi, Lucci (Cgil): “Dal Comune atteggiamenti irriverenti e scorretti”

Il segretario della Funzione pubblica attacca l’amministrazione di Terni: “Esautora la sua stessa delegazione trattante: mai visto comportamento del genere”

“Non era mai accaduto prima che un singolo dirigente di un’amministrazione pubblica sottoscrivesse accordi con una sigla sindacale al di fuori dei tavoli ufficiali, esautorando di fatto il ruolo della propria delegazione trattante, demandata dal sindaco alle relazioni sindacali”. È quanto afferma in una nota Giorgio Lucci, segretario generale della Fp Cgil che parla di “procedura mai vista, irriverente e scorretta, non solo nei confronti delle lavoratrici, del sindacato e della stessa delegazione trattante, ma anche del prefetto, che nella procedura di raffreddamento aveva raccomandato alle parti di rivedersi per trovare una soluzione”.

Ma quale è la causa di un simile comportamento? “Non era opportuno sottoscrivere accordi con la Fp Cgil: questa – riferisce Lucci - è stata la risposta della dirigente all’istruzione, dottoressa Accardo, alla nostra richiesta di spiegazioni”. Il tutto, rimarca ancora il sindacato, dopo aver concordato un testo con la Fp Cgil e dopo aver preso un impegno preciso alla presenza anche dell’assessore all'istruzione Fabrizi. Come recita il contratto le relazioni sindacali dovrebbero essere improntate ai principi di “buona fede e correttezza”, “ma evidentemente - incalza Lucci - queste non sono patrimonio di questa amministrazione”.

Per la Fp, l’attacco che si protrae da tempo ai servizi educativi comunali, uno dei servizi più importanti per le famiglie ternane, è inaccettabile e vedrà “una forte, irriducibile e netta opposizione da parte della Cgil, in tutte le declinazioni dal livello provinciale a quello nazionale”.

Intanto, l’assemblea delle insegnanti e delle educatrici del 21 settembre ha rinnovato all’unanimità il mandato alla Fp Cgil affinché continui a porre in essere “tutte le azioni possibili a difesa del servizio, per ristabilire il giusto clima lavorativo, nell’interesse delle famiglie e dei bambini, che pretendono un servizio di qualità che solo il Pubblico è in grado di garantire”.

“A questo punto vogliamo rivolgere al sindaco Latini due domande precise – conclude Lucci – pensa o no che i servizi educativi comunali siano ancora una risorsa per la nostra città e vadano quindi potenziati? E se sì, cosa pensa di fare per risolvere questo problema e verificare la correttezza del comportamento dei suoi dirigenti? Attendiamo fiduciosi una risposta, ma insieme a noi la attendono lavoratrici e famiglie ternane, che meritano un'amministrazione seria, competente e trasparente”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi educativi, Lucci (Cgil): “Dal Comune atteggiamenti irriverenti e scorretti”

TerniToday è in caricamento