SPECIALE EUmbria - Cresce l’attenzione all’ambiente nelle imprese umbre: una tendenza tutta europea

Sono 1.400 le imprese “bio” attive sul territorio che puntano su ricerca e innovazione. Tutti gli aiuti che arrivano dall’Ue

Articolo realizzato nell’ambito del Progetto FISE-Europe Direct Terni – Comune di Terni – Università di Perugia, con il cofinanziamento della Commissione Europea

eumbriatoday-logo-2

In Umbria, secondo i dati della Camera di commercio di Perugia aggiornati al 30 settembre dello scorso anno, risultavano attive oltre 1.400 imprese certificate bio; questo significa che ogni 10mila aziende, 151 sono biologiche. Questi dati portano l’Umbria ad occupare il settimo posto nella graduatoria delle regioni italiane.

Un numero di imprese peraltro in aumento: “Nei primi nove mesi del 2018 – spiegano dalla Camera di commercio – l’offerta di produzioni biologiche made in Italy e made in Umbria si è ulteriormente arricchita grazie all’aumento degli operatori che possono fregiarsi del bollino verde bio». La stragrande maggioranza sono concentrate nella provincia di Perugia (80%, 1.168 in termini assoluti), dove sono 160 ogni 10mila imprese, che vale il 32° posto tra le 105 province italiane (117 ogni 10mila l’incidenza in quella di Terni). In Umbria e in provincia di Perugia, la maggioranza delle imprese bio opera in agricoltura (oltre l’80%)”.

Questa crescente attenzione per l’ambiente rispecchia una tendenza positiva che coinvolge tutta l’Unione europea, dove infatti sono più di 270.000 gli agricoltori che hanno scelto l’agricoltura biologica in risposta ad una domanda crescente da parte dei consumatori. L’agricoltura biologica ha registrato una forte crescita in tutta l’Ue: il numero di aziende agricole “bio” è aumentato quasi del 50 % tra il 2003 e il 2015 e la superficie totale coltivata con metodo biologico è più che raddoppiata nel periodo in questione. L’agricoltura biologica esclude qualsiasi organismo geneticamente modificato (OGM), è attenta al benessere degli animali, rispetta la biodiversità e fa ricorso a metodi di produzione quanto più naturali possibile, senza fertilizzanti né pesticidi chimici.

L’Europa sostiene la scelta di passare al biologico, ad esempio introducendo un logo europeo che consente al consumatore di riconoscere rapidamente e facilmente i prodotti biologici. Questo logo garantisce che tutti i soggetti della filiera biologica abbiano rispettato le norme rigorose stabilite dall’UE.

Inoltre gli agricoltori biologici ricevono dall’Unione aiuti annui per ettaro per mantenere l’agricoltura biologica o per passare a questo tipo di agricoltura, nonché pagamenti "verdi" a remunerazione delle loro pratiche a favore dell’ambiente.

Infine, l’Unione sostiene finanziariamente la ricerca e l’innovazione nel settore dell’agricoltura biologica per mettere a punto e diffondere soluzioni che permettano di migliorare le prestazioni di queste aziende. L’Unione contribuisce anche al finanziamento di campagne di promozione dell’agricoltura biologica presso i consumatori.

Per approfondimenti si consiglia la consultazione del sito: https://what-europe-does-for-me.eu/it/portal/2/B06.

Europe Direct Terni

B_EuropeDirect-Centre-FondB modificato-2

Leggi gli altri articoli di EUmbria

Abitudini e sprechi alimentari, Umbria all'avanguardia

Dall'Europa arrivano i corsi Stronger Families

I fondi dell'Unione europea per il rilancio del turismo rurale

Assistenza sanitaria transfrontaliera: anche gli umbri possono usufruirne

 L’eccellenza europea a Scienze politiche: al via le iscrizioni alla Cattedra Jean Monnet

“Cic to Cic”, integrazione da primato

Sesso e bulli: ecco le trappole della Rete per i più piccoli

Congedo di paternità, novità per tutti i papà umbri

Migranti e accoglienza, ecco come funziona lo Sprar di Terni

FISE-EUmbria, un progetto per portare l''Europa a casa tua

Dalla Bicocca di Milano a Sant’Anatolia per fare la tesi sugli “ecomusei”, che salvano comunità e tradizioni

L’Europa finanzia “le imprese culturali e creative”: 3 milioni per il primo bando in Umbria

Un Terremoto di Solidarietà dopo quello di macerie: giovani da tutta Europa per aiutare Norcia

Terni e Foligno tra carri e toques blanches: l'Umbria nell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale

L’Unione europea sostiene il microcredito locale tramite la Regione: dal 3 dicembre le richieste

“Ecco come sarà ricostruita la Basilica di San Benedetto a Norcia: dalla Ue tanti fondi di solidarietà”

Nel 2019 si vota per il rinnovo del Parlamento Europeo: ecco come esprimere un voto informato e libero

Unione Europea e futuro: una tre giorni a Perugia per avvicinare i giovani al mondo del lavoro

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli operai dell’Acciai Speciali Terni a Carta Bianca su Rai 3: “Salvini ha perso una grande occasione”

  • Terni on, la notte bianca è iniziata: le foto e gli eventi della serata

  • Elezioni regionali, il sondaggio: il centrodestra è in testa, ma l’asse giallorosso è a un soffio

  • Foro boario, il mercato chiude i battenti: via gli operatori entro la fine dell’anno

  • I vigili del fuoco salvano una ragazza finita nel fiume Nera

  • Elezioni regionali, l’alleanza giallorossa scommette sulla candidatura di Fausto Cardella

Torna su
TerniToday è in caricamento