Ast, Grimani: "E' ora che il Governo alzi la voce con Tk"

Il senatore del Pd commenta il piano industriale annunciato dai vertici delle acciaierie: "Troppo al ribasso se è vero che viale Brin si considera strategico"

Il senatore del Pd, Leonardo Grimani

"E' ora che il Governo alzi la voce e chieda alla Thyssenkrupp chiarezza sui progetti e sugli investimenti, per evitare che un mercato da sempre strategico non solo per Terni ma per l’intera economia italiana, come quello siderurgico, vada disperso". E' l'invito che arriva dal senatore del Pd e segretario comunale dei Dem ternani, Leonardo Grimani, che si dice "preoccupato e perplesso" per il piano industriale presentato nei giorni scorsi da Ast ai sindacati.

"Se come annunciato dalla stessa Thyssenkrupp - dice - il sito ternano è tornato ad essere ‘core business’ della multinazionale, è difficile comprendere un piano di investimenti al ribasso, su scala biennale e non quadriennale e ulteriori sacrifici che vengono chiesti ai lavoratori, sia in termini di straordinari, sia per quanto concerne l’uscita di circa 70 lavoratori. La concorrenza che arriva dall’Asia, in particolare dall’Indonesia per il laminato freddo - prosegue - non giustifica un calo dei volumi di produzione: si è preferito  prendere atto della situazione piuttosto che affrontare la concorrenza rendendo migliore e più attrattiva per il mercato la produzione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Di fronte a questa situazione, che rischia di svilire e ridimensionare il ruolo dello stabilimento ternano, destinato ad un futuro incerto una volta che sarà completata la divisione di Tk nella due sezioni Industrials e Materials - aggiunge - risulta ancora più assordante il silenzio del Governo ed in particolare di un ministro dello Sviluppo Economico che a parole dicono di voler tutelare l’Italia e le sue eccellenze ma nei fatti sono invece esclusivamente preoccupati di garantire, come nella miglior tradizione di quella prima Repubblica che dicono di voler superare, il proprio bacino elettorale, come la vicenda del maxi condono per le case di Ischia insegna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Coronavirus, scuole chiuse a Terni. La rabbia dei genitori: “Impossibile gestire la vita di una famiglia. Avvertiti troppo tardi”

  • Covid, le previsioni che spaventano: tra novembre e dicembre possibili più casi che nella fase 1

  • Primario del Santa Maria di Terni positivo al covid-19. Tamponi a tappeto

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento