rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Economia

Ex Novelli, boccata d'ossigeno: cassa integrazione fino al prossimo maggio

Incontro al Mise, si cerca il difficile accordo tra curatele. Il 27 luglio l'apertura delle buste con le offerte, i sindacati: "Servono imprenditori serie"

Cassa integrazione fino al 22 dicembre con possibile proroga fino a maggio 2019 anche senza esercizio provvisorio. Questa una delle garanzie che i sindacati hanno ottenuto dall'incontro che si è svolto questa mattina al Mise per la vertenza Alimentitaliani in fallimento, meglio nota come ex Novelli. Presenti, oltre al vicepresidente di Gabinetto, l’ingegnere Giorgio Sorial, e Giampietro Castano, responsabile Unità gestione vertenze del ministero, le istituzioni regionali e i comuni interessati, le curatele di Castrovillari e Terni, il custode delle Fattorie, l’avvocato Ugo Celestino, e le organizzazioni sindacalil

"Le curatele hanno evidenziato le complessità giudiziarie delle procedure - affermano Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil - e la necessità di addivenire a un accordo, nonostante le parti siano ancora lontane. Da parte nostra abbiamo espresso tutte le preoccupazioni per una vicenda complicata e per le prossime imminenti aperture delle buste (il 27 luglio, ndr), per gli affitti dei rami d'azienda, evidenziando inoltre la necessità di mantenere l'esercizio provvisorio e la continuità stessa delle aziende, ivi comprese le attività agricole, con la possibilità di ricambio produzione uova, effettuando rimonta pulcini". 

E' già stato calenderizzato un nuovo incontro al Mise per il 2 agosto e allora si potrà fare il punto anche alla luce di quali saranno le offerte che saranno presentata. "Auspichiamo tutti - concludono i sindacati - in una soluzione tra curatele e che vi siano operatori imprenditoriali seri che salvaguardino occupazione e continuità produttiva".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Novelli, boccata d'ossigeno: cassa integrazione fino al prossimo maggio

TerniToday è in caricamento