Terni Industry, una boccata d’ossigeno: sbloccata la cassa integrazione

Svolta nella vertenza, ammortizzatori sociali retroattivi per i lavoratori della ex Neofil. Filipponi (Pd): primo segnale di attenzione verso un nuovo percorso

Tre mesi dopo la dichiarazione di fallimento, arriva una boccata d’ossigeno per i lavoratori di Terni Industry, ex Neofil. Ieri, giovedì 8 maggio, in Regione è stato infatti ratificato l’accordo che prevede la concessione della cassa integrazione per 11 lavoratori interessati. Novità importante è che gli ammortizzatori sociali saranno retroattivi a far data dall’11 gennaio scorso, giorno in cui il Tribunale di Terni decretò il fallimento dell’azienda.

LEGGI – Terni Industry, l’agonia dei lavoratori

“Parlare di successo per la concessione della cassa integrazione – dice Simone Sassone, Cisl – sembra strano. Eppure, kin questa situazione non possiamo che dirci soddisfatti del risultato raggiunto”. Oltre al fatto che la “cassa” concessa per i prossimi 12 mesi sarà retroattiva, l’accordo – alla cui firma ha preso parte anche l’altro rappresentante dei lavoratori, Stefano Ribelli (Cgil) – prevede tutta una serie di strumenti legati alle politiche attive del lavoro per cercare di favorire la rioccupazione dei lavoratori.

È la prima volta che uno strumento del genere viene applicato in Umbria”, continua Sassoni, scandendo i tempi che ora aspettano l’istruttoria. L’accordo dovrà essere formalizzato con il decreto del ministero del Lavoro e solo successivamente si passerà all’erogazione dei fondi da parte dell’Inps. Se sulla carta questi tempi potrebbero non essere brevissimi (fino a 45 giorni per il decreto e almeno un altro mese per l’erogazione delle spettanze) l’invito delle Rsu aziendali è di fare presto. “I lavoratori sono senza soldi da quattro mesi, questo lo sanno anche al Ministero”.

“La concessione della cassa integrazione a Terni Industry grazie all’impegno della Regione sulla base delle sollecitazioni che abbiamo prodotto nei giorni scorsi – commenta Francesco Filipponi, capogruppo del Pd al consiglio comunale di Terni - è un primo segnale di attenzione verso un nuovo percorso, perché al Ministero si sono attivati per verificare o l’esistenza di un potenziale nuovo acquirente o un percorso di ricollocazione attivo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento