Ast, Marcegaglia esce allo scoperto: "Interessati alle acciaierie"

Il presidente del gruppo: "Siamo il loro maggior cliente, stiamo valutando". Nel 2013 insieme ad Arvedi avevano già tentato l'acquisto dello stabilimento di viale Brin

Le acciaierie di Terni

 "Quando sarà avviato un processo di possibile cessione di Ast Terni, e ci sembra di capire dalle dichiarazioni del top management di ThyssenKrupp che lo stabilimento ternano non sia strategico per il loro gruppo, siamo certamente interessati a guardarlo con grandissima attenzione". Lo ha detto il presidente del Gruppo Marcegaglia, Antonio Marcegaglia - riporta l'Ansa,. intervenendo a "InnovA", la convention dell'innovazione per il settore siderurgico in corso al Brixia Forum di Brescia.

"Abbiamo un grande consumo di acciaio inossidabile - ha aggiunto - Terni è il nostro principale fornitore e noi siamo di gran lunga il loro più importante cliente. Siamo leader nei tubi di acciaio inossidabile. Abbiamo, credo, tutte le caratteristiche per fare una serie di sinergie industriali e commerciali". A chi gli ha chiesto se stessero guardando all'operazione in autonomia o con possibili alleanze, Marcegaglia ha risposto che "per ora stiamo studiando e stiamo facendo delle riflessioni, non c'è ancora un'interlocuzione formale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marcegaglia insieme ad Arvedi, di cui ha rilanciato le opportunità nell'acquisizione di Ast il presidente uscente di Federacciai Antonio Gozzi, avevano già costituito nel 2013 una cordata allora con l'appoggio di Aperam, spin off dell'inox di Arcelor Mittal, per l'acquisto dello stabilimento di viale Brin prima che ThyssenKrupp decidesse di vendere ai finlandesi di Outokumpu salvo poi riprendersela. Allora l'offerta di circa 200 milioni di euro, ma la le acciaierie ternane erano fortemente in perdita, venne ritenuta troppo bassa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento