Treofan Terni, lettera aperta di Vincenzo Bianconi: “Una battaglia di tutta la regione”. Prorogato lo stato di agitazione

Il consigliere regionale del Gruppo Misto: “Necessario il contributo di ogni consigliere comunale, regionale, assessore e parlamentare di maggioranza o di opposizione”

foto di repertorio

Si inasprisce sempre di più la delicatissima vertenza legata alla Treofan Terni. Una delegazione di lavoratori e sindacati si sono recati in presidio dapprima sotto Palazzo Spada (martedì) per poi presentarsi a Perugia, dinanzi la sede della regione Umbria (mercoledì 29 luglio). Sono stati accolti rispettivamente dal sindaco Latini e dall’assessore regionale Fioroni, i quali hanno ascoltato le preoccupazioni ed i rischi collegati relativi alla possibile perdita del posto di lavoro.

Le segreterie provinciali e regionali di Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil, a seguito di quanto stabilito nel documento approvato dai dipendenti, ed in attesa di una nuova convocazione al Mise hanno annunciato la proroga dello sciopero fino alle 24 di venerdì 31 luglio, da parte di tutto il polo chimico ternano.  

Il consigliere regionale del Gruppo Misto Vincenzo Bianconi ha annunciato di aver inviato una lettera aperta alla Giunta di Palazzo Donini: “La vicenda Treofan non riguarda soltanto i circa 150 lavoratori dell’azienda e le loro famiglie” ha affermato. “Rappresenta anche il banco di prova di quella che sarà la reazione della politica e della società umbra per eventuali future crisi aziendali. Una battaglia fondamentale di tutta l’Umbria per i diritti e il futuro di migliaia di lavoratori e imprenditori dell’indotto di grandi gruppi industriali. Apprezzo molto lo sforzo unitario che tutte le forze politiche stanno portando avanti in
questi giorni difficili per cercare di risolvere tale crisi, superando finalmente miopi opportunismi politici e ipocrite logiche di partito”.

Gli incontri congiunti dei parlamentari umbri appartenenti a diverse forze politiche che si sono tenuti in questi giorni rappresentano un primo passo positivo”. Il consigliere si dice: “Convinto che in questa fase servano lealtà, maturità, responsabilità e unità da parte di tutti per combattere una fondamentale battaglia comune. Come rappresentante dell’opposizione ribadisco che mi impegno a continuare a sollecitare con forza il ministero dello Sviluppo economico e l’intero Governo affinché continui ad attenzionare tale vicenda, cercando di risolverla con decisione, utilizzando tutti i possibili mezzi legali di pressione per pretendere correttezza e responsabilità da parte della proprietà.”

“Chiedo tuttavia che anche la Giunta regionale non si limiti a sollecitare un intervento del Mise ma si attivi immediatamente, per quanto di propria competenza, con tutte le iniziative ritenute utili nei confronti dell’azienda stessa, in modo complementare rispetto al Governo”.

Pertanto è necessario: “Il contributo di ogni consigliere comunale, regionale, assessore e parlamentare di maggioranza o di opposizione. Credo - conclude - che soltanto una costante e ampia pressione sulla proprietà aziendale, proveniente da differenti attori istituzionali, possa dimostrare che vi è compattezza e determinazione nella difesa dei legittimi interessi dell’Umbria”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento