Treofan verso la chiusura: “Nel più assordante silenzio istituzionale a tutti i livelli. 150 lavoratori in mezzo ad una strada”

L’allarme lanciato dai sindacati Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec e Ugl Chimici: “La rescissione dei contratti comporterebbe il fermo irreversibile degli impianti”

foto di repertorio

“Nel più assordante silenzio istituzionale a tutti i livelli, a partire dalla Regione dell'Umbria nelle figure della presidente Tesei e dell'assessore Fioroni, lo stabilimento Treofan si sta avviando alla chiusura”. I sindacati di Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec e Ugl Chimici lanciano l’allarme che riguarda il polo chimico ternano. “Pur non essendoci una dichiarazione ufficiale - scrivono in una nota - Jindal ha manifestato l'intenzione di rescindere tutti i contratti di fornitura delle utilities (gas metano, energia elettrica, aria compressa, addirittura il servizio mensa). Inoltre, per quanto riguarda il servizio di pulizia e sanificazione, è stata manifestata la volontà di rinnovare il contratto fino al 31 dicembre, già scaduto il 31 ottobre, solo nel tardo pomeriggio di ieri 2 novembre, dopo pressioni della struttura locale in quanto la fabbrica non ha usufruito del servizio per due giorni, cosa gravissima in questo periodo con la pandemia che nella nostra regione sta rilevando contagi elevati. La rescissione dei contratti, se resa operativa, comporterebbe il fermo irreversibile degli impianti”.

“Continua, inoltre, lo svuotamento della fabbrica umbra” affermano le sigle sindacali. “Avendo pressoché terminato il trasferimento nei magazzini tedeschi e non ai clienti dei prodotti finiti, da qualche settimana si è iniziato a spostare le materie prime verso gli altri siti del gruppo dove sono stati, già da tempo, collocati gli ordini di Terni. Facendosi beffa dei lavoratori Treofan, creando difficoltà a tutto il polo chimico, nonché mettendo in ginocchio un'intera comunità, appare ormai evidente che nel prossimo incontro del 5 novembre al Mise, salvo sorprese, Jindal dovrebbe quindi annunciare la chiusura del sito. 150 lavoratori, le loro famiglie e tutto l'indotto rappresentato anche dalle ditte appaltatrici, verranno messi in mezzo ad una strada. Nell'indifferenza istituzionale verrebbero così cancellati 60 anni di storia, di uno stabilimento che ha visto nascere e sviluppare il film in polipropilene”.

Ci aspettiamo da parte della Presidente e dell'assessore allo Sviluppo economico della Regione Umbria, dal sindaco di Terni, nonché da tutte le componenti politico/istituzionali anche di opposizione, un intervento incisivo sul Ministero dello sviluppo economico atto a garantire la continuità produttiva dello stabilimento. Nel contempo – concludono - chiediamo a tutti la presenza all'assemblea con i lavoratori che si terrà giovedì 5 Novembre alle ore 10”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uno store internazionale di abbigliamento apre in centro a Terni. Al via le selezioni: “Entro la fine del 2020 l’inaugurazione”

  • Coronavirus, ecco il farmaco più efficace contro ansia, depressione e panico da pandemia

  • Giovane donna dorme sotto la fermata dell’autobus, scatta la gara di solidarietà nel quartiere

  • Coronavirus, nove decessi e 344 guarigioni. A Terni superata la soglia dei 1600 attuali positivi

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Sposta le transenne e finisce con l’auto nel cemento fresco, il sindaco: chieda scusa a tutti i cittadini

Torna su
TerniToday è in caricamento