Vertenza Treofan, i sindacati restano in trincea: la proposta dell’azienda è inaccettabile

Jindal chiede di sospendere lo sciopero, le organizzazioni dei lavoratori: “La lotta è un atto legittimo, la perdita di clienti non dipende da noi. Ecco cosa fare”

“Prendiamo atto della posizione presa dalla società, la consideriamo inaccettabile, manifestiamo forti critiche e la riteniamo addirittura contraddittoria rispetto a dichiarazioni fatte dalla stessa alla presenza del Mise solo pochi giorni fa”.

Jindal mostra i muscoli e chiede ai lavoratori di sospendere lo sciopero facendo intendere, nemmeno troppo tra le righe, che la perdita di clienti di Treofan e “colpa” della mobilitazione dei lavoratori. Le organizzazioni sindacali restano in trincea e rilanciano: “La lotta è un atto legittimo, sono altre le cose da fare per ricomporre la vertenza”.

Neanche ventiquattro ore la “proposta aziendale” fatta pervenire dalla multinazionale, i sindacati nazionali di categoria di Cgil, Cisl e Uil sottolineano di assistere ancora una volta “all’ennesima indisponibilità aziendale ad un vero confronto propedeutico al rilancio dello stabilimento di Terni. Dopo diciotto mesi in cui le scriventi organizzazioni ed i lavoratori hanno denunciato atti e politiche volte al depauperamento dello stabilimento, a vantaggio di altri stabilimenti di Treofan e di Jindal, chiedendo all’azienda di sospendere un disegno, siamo a registrare l’ennesimo tentativo di ascrivere la perdita dei clienti dello stabilimento ternano alle iniziative legittime di lotta messe in atto dai lavoratori, dopo il fallimento, a causa della indisponibilità aziendale, di tracciare un piano di garanzia e sviluppo pluriennale per lo stabilimento”.

La mobilitazione, dunque. I sindacati parlano di “un atto legittimo, quello di lotta, dovuto e doloroso arrivato solamente alla fine del percorso durato lunghi mesi, messo in atto a causa di continue mancate risposte e addirittura dichiarazioni di chiusura dello stabilimento ternano. Il sindacato ed i lavoratori hanno sempre mantenuta aperta la porta del dialogo e apprendono solo oggi con ritardo di giorni, rispetto ai tempi stabiliti anche con il Mise, l’ennesima indisponibilità al confronto sul documento inviato il 15 luglio, documento che tracciava e rimarcava il percorso definito nell’incontro al tavolo ministeriale ed al quale la stessa Treofan aveva dichiarato un’apertura di discussione su alcuni temi proposti”.

Nessun stop alle proteste, nonostante il tentativo di “responsabilizzare i lavoratori e le organizzazioni sindacali rispetto alla perdita dei clienti” che sono stati invece “serviti da altri stabilimenti” e “dopo avere comunicato della indisponibilità dal mese di febbraio di una serie di prodotti dello stabilimento ternano, in quanto la produzione sarebbe stata sospesa, con la sostituzione degli stessi con altri prodotti Jindal”.

Anzi: “La lettera aziendale – rilanciano i sindacati - non fa che confermare le nostre preoccupazioni e porta a coinvolgere nuovamente i lavoratori attraverso un’assemblea, con la quale si valuteranno e si decideranno le azioni a questa ulteriore mancata risposta”.

Al contrario, “si richiede al ministero dello sviluppo economico di proseguire sulla linea intransigente emersa nelle ultime ore, a difesa del lavoro e delle produzioni del nostro Paese, attraverso la definizione di un accordo di programma, nel quale assumere un ruolo di garanzia per entrambe le parti, che sancisca in maniera definitiva e prioritaria il trasferimento della taglierina dallo stabilimento ex Treofan di Battipaglia, l’installazione dei Fluff Silos per ridurre gli scarti e nel contempo prevedere un progressivo aumento dei volumi produttivi da definire attraverso un percorso modulato nelle tempistiche, contestualmente alla necessaria valutazione sul rigranulatore come previsto nella proposta sindacale del 15 luglio. Per quanto attiene alla gestione degli scarti stoccati all’interno dello stabilimento, si conferma la totale disponibilità di tutti gli operatori per ogni prestazione relativa alla sicurezza dell’azienda, del sito, dei luoghi di lavoro e ovviamente di tutti i lavoratori”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Riteniamo che questa sia l’unica strada percorribile per ricomporre questa drammatica vertenza che sta compromettendo il futuro di tanti lavoratori e il tessuto industriale del territorio ternano e di un tassello importante nel sistema del film in polipropilene del nostro Paese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento