La nuova giunta regionale, la “campagna acquisti” e il capitolo rifiuti: Salvini “ringrazia” Terni

Il leader della Lega nella città dell’acciaio annuncia il passaggio di Cozza dal M5S al Carroccio in consiglio comunale: “Mi sono svegliato da indagato, ma oggi è una bellissima giornata”

Caparvi, Cozza, Salvini e Saltamartini,

Sono le tre in punto. Mezz’ora dopo l’appuntamento concordato. Matteo Salvini arriva all’Hotel Michelangelo di Terni. Sul marciapiede c’è il gruppo dei fedelissimi (il commissario Lega Terni, Barbara Saltamartini, il segretario della Lega Umbria, Virginio Caparvi, il sindaco di Terni Leonardo Latini) e c’è pure qualche “sardina”, scivolata dalla vicina piazza Tacito, dove il “popolo” nato a Bologna proprio per contestare il leader del Carroccio si era dato appuntamento. Con risultati non esattamente oceanici.

Saluti, strette di mano e poi si scende nella sala conferenze dell’albergo cittadino. Passa qualche altra buona manciata di minuti e comincia l’incontro. Ufficialmente, la convocazione parla di “ringraziamento” per i risultati ottenuti alle elezioni regionali (a Terni la Lega ha superato il 41%) e per illustrare i programmi per la città.

In realtà la questione è più “politica”: “Siamo orgogliosi di salutare l’ingresso di Marco Cozza nel gruppo del consiglio comunale, ingresso che conferma l’ottimo lavoro di tutta l’amministrazione a guida Lega con a capo il nostro sindaco Leonardo Latini”.

È l’onorevole Saltamartini ad illustrare il piatto forte del giorno: le “stelle” perdono un altro pezzo, la Lega si rafforza a Palazzo Spada.

“Non me ne vado sbattendo la porta - dice Cozza - Inoltre non c’era nulla che non andava nei miei compagni. Mi sono reso però conto che eravamo soffocati nell’opposizione e in un sogno in cui non credo più. Ho inoltre ricevuto più lamentele che voti per quanto successo a livello nazionale”.

È stato lo stesso Salvini a “provinare” la new entry con un incontro che si è tenuto la scorsa settimana a Roma. “Sono stato per vent’anni consigliere comunale – dice il senatore e segretario del partito – quindi conosco l’importante che fanno i consiglieri comunali”: E aggiunge: “Ad oggi sono circa quattromila gli amministratori della Lega. Anche uno in più è importante. Ma non prendiamo tutti, come invece fa chi si dedica alla raccolta indifferenziata”.

“Quando venni a Terni si ereditava un bilancio disastroso”, dice Salvini, sottolineando che soltanto due o tre anni fa “pensare di vincere in Umbria era da ricovero”. E invece, oggi, quel risultato è concreto. Per questo “sabato sarò a Perugia per la festa del ringraziamento e la presentazione della giunta regionale. E tornerò a Terni per la riapertura della fontana di piazza Tacito”.

A proposito di giunta regionale, nessuno si sbilancia. Ma “Terni avrà un assessore”. Bocche cucite sul nome e dunque su chi alla fine potrebbe spuntarla fra i due indiziati principali: Enrico Melasecche, primo dei non eletti nella lista della Lega, e Daniele Carissimi. Salvini ribadisce soltanto che “chi farà l’assessore, come succede in consiglio comunale, dovrebbe dimettersi dal consiglio”. Fatti due conti, significa che comunque vada Melasecche sembra destinato a traslocare a Perugia, sia che venga chiamato in giunta dalla presidente Tesei, sia che vada a “rimpiazzare” chi tra gli eletti dovesse essere promosso nell’esecutivo.

“Mi sono svegliato da indagato”, aggiunge il leader leghista in riferimento all’indagine che lo vede coinvolto ad Agrigento sulla questione dei migranti della Open Arms: “Chiederò di sapere quanti soldi pubblici vengono spesi per perseguitarmi. Ma sono tranquillo”.

Si parla di Ilva, di acciaio e di acciaieria (“…vorrei tornare con proposte concrete”) e poi si parla di rifiuti, uno dei dossier “caldi” di Terni, soprattutto ora che sulla città dell’acciaio pende la richiesta di Acea di bruciare a Maratta 30mila tonnellate di immondizia, provenienti anche da altre regioni. “So qual è la linea della Lega: “Una parte dei rifiuti va differenziata e una valorizzata. Io sono autonomista, ognuno dovrebbe bruciare i suoi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tecnologia e stile made in Terni sugli aerei di mezzo mondo: accordo tra AeroSeatek e Giant Aviation

  • Nozze d’oro, svelata la truffa dei finti matrimoni tra ternani e straniere: ecco come funziona

  • Terni sbarca su Rai 1: un ampio servizio per raccontare la città dell’acciaio

  • Viale dello Stadio, tagliati i pini dello spartitraffico: il video dell'abbattimento

  • LA VIDEO-INTERVISTA Sara Tommasi e la sua rinascita: "Ero devastata, anche per colpa mia, ma ora so di valere..."

  • La Via della Seta porta a Terni milioni di euro e posti di lavoro: i dettagli del patto AeroSeatek-Giant Aviation

Torna su
TerniToday è in caricamento