menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

InvasioneLirica, al via il progetto per sostenere la Candidatura dell’Opera lirica italiana a patrimonio Unesco

Domenica a palazzo Gazzoli il concerto "Le voci di Santa Cecilia" con il tenore Claudio Di Segni

La candidatura dell’Opera lirica Italiana a Patrimonio Unesco passa anche da Terni. Grazie all’Associazione Amici della Lirica, domenica 28 aprile sotto i riflettori ci sarà la grande tradizione italiana: l’appuntamento è a palazzo Gazzoli alle 17.30 con il concerto lirico-vocale “Le voci di Santa Cecilia”, primo evento del progetto invasionelirica dell’Associazione Amici della Lirica della provincia di Terni. Con tale progetto AdL si impegna a sostenere la candidatura dell’Opera Lirica Italiana a Patrimonio Immateriale dell’Unesco.
Il concerto vedrà la partecipazione del tenore Claudio Di Segni, uno dei più apprezzati docenti del Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Di Segni si esibirà con alcuni dei suoi più promettenti allievi, accompagnati al pianoforte dal Maestro Paola Pisa. Il programma musicale presenterà celebri brani dalle opere di Wolfgang Amadeus Mozart, Gaetano Donizetti, Vincenzo Bellini, Jules Massenet, Francesco Cilea e l'intero terzo quadro de La bohème di Giacomo Puccini.

Claudio Di Segni, tenore lirico, è nato a Roma dove ha conseguito gli studi musicali presso il Conservatorio di Santa Cecilia, proseguendo gli studi con il M° Giuseppe Morelli e quindi con M° Franco Corelli.
Nel 1986 ha vinto il Concorso Internazionale “Toti Dal Monte” per il ruolo di Riccardo nell'opera Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi. Successivamente ha frequentato un corso di perfezionamento al “Mozarteum” di Salisburgo con il mezzosoprano Regina Resnik.
Nel 1987 ha vinto il concorso “Mattia Battistini” di Rieti debuttando nei ruoli principali in Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti e Rigoletto di Giuseppe Verdi.
Nel 1988 ha vinto il concorso “Briccialdi” di Terni debuttando ne La traviata di Giuseppe Verdi.
Da allora ha cantato nel ruolo principale numerose altre opere del suo repertorio: Poliuto e Maria Stuarda di Donizetti, Nabucco, Falstaff e Messa di Requiem di Verdi, La bohème, Madama Butterfly e Tosca di Puccini, I dialoghi delle Carmelitane di Poulenc, Adina e Petite Messe Solennelle di Rossini, Carmen di Bizet, Thaïs di Massenet, Amica di Mascagni, esibendosi nei maggiori teatri, tra i quali Opera di Roma, Filarmonico di Verona, Comunale di Alessandria, Bellini di Catania, Sociale di Rovigo, Comunale di Treviso, Arena di Verona, Sferisterio di Macerata, Pergolesi di Jesi, Giglio di Lucca, Festival di Torre del Lago, Lirico di Cagliari e all'estero a Malta, Stoccolma, Israele, Sudafrica, Giappone, Germania,
Ha cantato con Raina Kabaivanska, Katia Ricciarelli, Ghena Dimitrova, Angela Gheorghiu, Mariella Devia, Leo Nucci, Renato Bruson, Giorgio Zancanaro, Giuseppe Taddei, Ambrogio Maestri, Samuel Ramey con direttori d'orchestra del calibro di Daniel Oren. Bruno Bartoletti, Gustav Kuhn, Gianandrea Gavazzeni e con registi quali Franco Zeffirelli, Gabriele Lavia, Ugo Gregoretti.
 

Per informazioni: 338.3867165

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento