rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Eventi

Una famiglia in musica, le “Suggestioni senza tempo” del Trio Italiano aprono l’edizione 2022 di Prendi Nota

Giovedì 2 giugno a Guardea il primo concerto della stagione estiva dell’Araba Fenice. Gli appuntamenti musicali saranno ospitati in palazzi storici e chiostri incantevoli. “Tutti i concerti avranno un costo di ingresso minimo, una sorta di sorpresa che regaliamo al pubblico”

Le “suggestioni senza tempo” del Trio Italiano apriranno la seconda edizione del Prendi Nota 2022, stagione estiva dell’Araba Fenice. Giovedì 2 giugno alle 18 a Guardea avrà luogo questo originale concerto la cui singolare formazione, composta da Endrio Luti alla fisarmonica, Thomas Luti al Sax e Cristina Trimarco al fagotto, eseguirà alcune pagine di compositori celebri come Benny Goodman, Astor Piazzolla, Ennio Morricone e un nutrito numero di brani tratti dall’antico e affascinante mondo della musica Klezmer.

Il Trio Italiano nasce dalla passione musicale di una intera famiglia, Endrio Luti e Cristina Trimarco sono felicemente sposati da molti anni e Thomas è il loro figlio. Il Trio svolge una intensa attività artistica sia in Italia che all’estero, i suoi componenti oltre all’attività del Trio si esibiscono anche in altri contesti cameristici per prestigiosi enti e associazioni musicali come: Accademia di Santa Cecilia di Roma, Società dei Concerti di La Spezia, Agimus di Siracusa, Gli amici del Teatro di Avola, Teatro Regio di Parma e molti altri.

Quello che propone il Trio Italiano è un programma eterogeneo che spazia dalla tradizione balcanica, ebraica, klezmer, sudamericana sino ad arrivare a trascrizioni di brani classici. Attraverso l’individuazione di questi repertori, questo organico vuol dar forma ad un ensemble che vede protagonisti la fisarmonica, il sax ed il fagotto: tre strumenti che, pur avendo tradizioni musicali diverse, riescono a dialogare con un grande equilibrio sonoro e sorprendenti atmosfere timbriche.

IMG-20220518-WA0036-2L’edizione 2022 si svolgerà, oltre che in alcuni spazi già conosciuti e piacevoli come Guardea dove sono previsti quattro appuntamenti, anche in luoghi meno noti. “Avremo la fortuna, infatti, di poter far esibire importanti musicisti all’interno di contesti incantati – spiegano dall’Araba Fenica - in cornici di antichi palazzi storici, come il chiostro all’aperto di Palazzo Fabrizi a Terni dove si svolgeranno cinque concerti, o come la sala nobile all’interno di Palazzo Catucci, con due appuntamenti, e nel chiostro del castello di Bartolomeo d’Alviano, dove ci troveremo per il 26 di giugno. In tutti questi spazi pieni di fascino e storia, si avvicenderanno musicisti di apprezzata professionalità, sensibilità musicale, spiccata personalità e maturità artistica”.

“Non solo – aggiungono dall’associazione - Questa nuova edizione si amplia e si colora come uno splendido arcobaleno di innumerevoli musicisti e non solo pianisti, come da nostra tradizione. Violinisti, violoncellisti, chitarristi, flautisti, fisarmonicisti, sassofonisti, daranno vita ad un vasto arcipelago di note musicali appunto, che ci auguriamo sarà apprezzato da tutti coloro che vivranno con noi questo intenso mese musicale, dal 2 giugno come suddetto fino al 9 luglio”.

In questa edizione del Prendi nota 2022 sono nate due nuove collaborazioni importanti. “La prima ci riempie di orgoglio e contentezza perché sarà con l’istituto musicale pareggiato G. Briccialdi. Ospiteremo infatti il 12 giugno nella sala nobile di Palazzo Catucci il Briccialdi sax Quartet, composto da Marco Mari al sax soprano, Jacopo Cento al sax contralto, Samuele Giuliobello al sax tenore e Gianni Mancini al sax baritono; tutti giovani allievi talentuosi che studiano lo strumento musicale all’interno del Briccialdi stesso”.

“La seconda nuova collaborazione è quella con l’Università Pegaso sede di Terni, in particolare con sede proprio a Palazzo Catucci di Collescipoli che ha messo a disposizione gli spazi dove oltre al quartetto appena menzionato, verrà ospitata il sabato 2 luglio la chitarrista pugliese Maria Ivana Oliva che proporrà un concerto dal titolo ‘Melodia e Modernità, racconti per chitarra’ con opere di Tarrega, Villa-Lobos, De Falla e altri celebri compositori per lo strumento a sei corde”.

Il programma del Prendi Nota, dopo l’apertura del 2 giugno, proseguirà con il primo concerto nella bella cornice del chiostro di Palazzo Fabrizi domenica 5 giugno con il duo composto da Ivo Scarponi al violoncello e Moira Michelini al pianoforte, che presenteranno il loro nuovo programma dal titolo ‘E’ sempre un Classico!’: un mosaico di brani musicali da Bach a Pachelbell, fino a Ravel, Piazzolla e Sakamoto, un programma che Il duo Michelini-Scarponi, che ha eseguito insieme oltre 200 concerti in tutta Italia e Europa in quindici anni di attività insieme, suoneranno il 28 maggio a Gorizia e il 29 maggio a Pordenone.

Sempre a Terni a Palazzo Fabrizi, sabato 11 giugnom sarà in scena una straordinaria pianista: Sabrina Dente, vincitrice di innumerevoli concorsi e dal vasto curriculum, con un recital da “Haydn al sogno romantico” con opere proprio di Haydn, Mozart e Chopin.

Il sabato successivo, 18 giugno, spazio al bel canto grazie all’ospitalità della soprano Samatha Sapienza, salernitana, che al momento si sta perfezionando proprio a Terni all’istituto Briccialdi, accompagnata dalla pianista Nadia Testa. Proporranno un programma dal titolo “Divas’s, Donne in Musica” con opere di Donizetti, Pinsutti, Puccini, Verdi e Mascagni.

Domenica 19 giugno un omaggio alla musica del grande Morricone con il duo composto da Paolo Zampini che è stato primo flauto nell’orchestra di Ennio Morricone, e dal pianista Primo Oliva. Il concerto si svolgerà a Guardea nella sala consiliare ed insieme alle opere di Morricone verranno eseguite anche opere di Claude Bolling.

Sempre a Guardea sabato 25 giugno, sarà protagonista un altro originale duo composto dal violinista Roberto Noferini e dal chitarrista Donato D’Antonio. Titolo del concerto: “Quanti Capricci!”, un programma splendido con opere di Ibert, Corelli, Bartok, Napoleon Coste e ovviamente Nicolò Paganini.

Il giorno dopo, 26 giugno, Araba Fenice torna alle origini, quando nel 1999 realizzava concerto nella sala del castello di Alviano. “Grazie alla collaborazione e alla disponibilità dell’amministrazione, ospiteremo il Trio Lanzini, composto dal clarinettista di fama Giovanni Lanzini e dai rispettivi figli, Elisa lanzini al violino e Michele Lanzini al violoncello. Il ‘Salotto Musicale’ prevedrà opere di Haydn, Mozart, Lehar, Verdi e Bizet. Scenario del concerto il chiostro del castello del 1200 di Bartolomeo”.

“Ma le sorprese non finiscono. A Terni il 30 maggio nel chiostro di Palazzo Fabrizi arriverà direttamente dall’orchestra del Teatro La Fenice di Venezia il Quartetto Dafne, composto da quattro solisti della celebre orchestra: Samuel Angeletti Ciaramicoli e Federica Barbali ai violini, Paolo Pasoli alla viola, Antonio Puliafito al violoncello. E per questa straordinaria occasione abbiamo pensato ad un gemellaggio musicale. Il quartetto eseguirà due composizioni scritte appositamente per la loro formazione del giovane Mozart e di Schubert, poi insieme alla nostra direttrice artistica Moira Michelini al pianoforte eseguiranno un concerto di Bach”.

Così proseguirà Il Prendi Nota come detto, il 2 luglio a Collescipoli con la chitarrista Maria Ivana Oliva, poi venerdì 8 luglio a Terni all’aperto di Palazzo Fabrizi con il Duo composto dal flautista Matteo Bonaccorso e dalla pianista Anna Lisa Bellini in un intimo concerto dal titolo:” Amore e Mito, tra storia e leggenda”, con opere di Gluck, Liszt, Debussy e Reinecke.

La “chiusa” avverrà nella Piazza Panfili di Guardea con:” Un Insolito Duo, suoni e ritmi lontani”. Avremo ospiti Erica fassetta al violino e Gianni Fassetta alla fisarmonica con un programma musicale pieno di gioia, passione e allegria da Morricone a Piazzolla, da Brahms a Verdi passando attraverso le opere di Galliano, Monti e Zoltan Kodali.

“Tutti i concerti avranno inizio alle 18, con la calda luce che da sempre avvolge dolcemente le giornate di giugno ed i primi giorni di luglio e tutti i concerti avranno un costo di ingresso minimo, una sorta di sorpresa che regaliamo al pubblico, con il solo scopo di incentivare e convogliare tutte le forze per il fine unico del giovarsi della bellezza espressiva della musica”.

“Tanti sono i ringraziamenti da fare – concludono dall’associazione - a cominciare dalla Fondazione Carit, anche se siamo in attesa del nuovo bando per le attività musicali estive, che è da sempre a sostegno delle nostre attività musicali. Un grazie alle amministrazioni di Terni e Guardea, costantemente presenti e vicine. Grazie al Comune di Alviano per la disponibilità del Castello, alla Camera di commercio e alla Regione dell’Umbria. Grazie al nostro sponsor di sempre, UmbriaEnergy. Infine un ringraziamento particolare a Giovanni Ranalli per il chiostro di Palazzo Fabrizi a Terni, che certamente sarà una bella sorpresa per molti amanti della grande musica classica”.

Tutte le informazioni sono a disposizione sul sito dell’Araba Fenice all’indirizzo www.assarabafenice.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una famiglia in musica, le “Suggestioni senza tempo” del Trio Italiano aprono l’edizione 2022 di Prendi Nota

TerniToday è in caricamento