Eventi Collescipoli

Le sinfonie dei Talenti d’Arte nel monastero di Santa Cecilia a Collescipoli

Domani alle 18 è in programma il concerto di chiusura della manifestazione “Prendi nota” organizzata dall’associazione culturale Araba Fenice

Concerto di chiusura della manifestazione Prendi Nota 2021 dell’Araba Fenice.

Domani, sabato 10 luglio alle 18 nell’originale e storica cornice del chiostro del monastero di Santa Cecilia di Collescipoli, il quintetto dei “Talenti d’Arte” darà vita ad un programma con opere di Vivaldi, Mozart e Salieri.

Il quintetto sarà composto da Gionatan Scoppetta e Antonio Metelli ai violini, Lucia Di Veroli alla viola, Paolo Mariani al violoncello e Luca Matassoni al contrabasso.

Il programma sarà incentrato su opere del periodo tardo barocco con due composizioni di Antonio Vivaldi con il Concerto in Do maggiore e la sinfonia detta l’Olimpiade, a seguire una originale opera di Antonio Salieri, la Sinfonia detta Veneziana ed infine il Divertimento n.3 di Mozart.

Torna a rivivere il chiostro del monastero Santa Cecilia che è parte del complesso della collegiata di San Nicolò, dopo anni di chiusura dovuti anche ai problemi della pandemia. Si tratta di un chiostro agostiniano la cui datazione è ancora incerta ed è ignoto il nome del progettista. Ospitò le monache agostiniane fino al 1792, poi le maestre pie per l’educazione delle fanciulle del luogo e, dal 1878 fino a circa 40 anni fa, la scuola elementare.

I musicisti protagonisti del pomeriggio musicale fanno parte di un’associazione nata del 2014 dal desiderio e dal sogno della fondatrice Lucia Di Veroli di porre la musica classica al servizio di ogni evento sia sacro che profano. I musicisti invitati a collaborare con l’associazione sono tutti artisti dalla vasta esperienza costruita in molte formazioni orchestrali in Italia e spesso attivi anche in altre orchestre da camera o sinfoniche di teatri stabili.

I Talenti d’Arte sono attivi in Umbria e Lazio con oltre 25 concerti l’anno, esibendosi anche l’auditorium San Fedele di Milano, all’istituto di Cultura di Budapest e al Maschio Angioino di Napoli. Hanno in Emanuele Stracchi l’attuale direttore della loro orchestra che ha la possibilità di presentarsi in molteplici forme dal quintetto alla formazione da camera fino alla più vasta e articolata formazione sinfonica. Hanno collaborato con molto direttori di orchestra quali Raffele Innicelli e Emiliano Randazzo Nel 2017 hanno ricevuto il Premio “Maison Des Artites” di Roma. Ricordiamo la Visita Guidata proprio a Collescipoli all’interno delle sue mura e soprattutto presso le due bellissime collegiate di Santa Maria Maggiore e San Nicolò oltre la chiesa della Madonna Addolorata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le sinfonie dei Talenti d’Arte nel monastero di Santa Cecilia a Collescipoli

TerniToday è in caricamento