rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cultura

Carsulae Teatro, in scena ‘Storia d’amore, di boschi e di follia’ e lo spettacolo dei Tazenda

Due appuntamenti da non perdere nel ricco programma dell’edizione 2023. Ecco tutti i dettagli

Prosegue l'edizione 2023 di Carsulae Teatro. Venerdì 25 agosto, alle 20.45 al Teatro romano va in scena ‘Storia d’amore, di boschi e di follia’, dai testi di Dino Campana, Sibilla Aleramo e Sebastiano Vassalli, con Benedetta Bucellato, Riccardo Leonelli e Germano Rubbi. Martedì 29 agosto, sempre al Teatro romano ma alle 19.30, è la volta dello spettacolo multidisciplinare ‘Il canto delle pietre. Su cantos de sas pedras’, con i Tazenda, gruppo storico e iconico della musica pop sarda, il danzatore e coreografo Afshin Varjavandi, gli attori Loretta Rossi Stuart, Blas Roca Rey ed altri.

La performance Storia d’amore, di boschi e di follia (Bastiano, Sibilla e Dino), per la regia di Riccardo Leonelli, adatta e intreccia liberamente brani tratti dai libri di Sebastiano Vassalli, tra i più importanti narratori italiani (scomparso nel 2015), dedicati al poeta Dino Campana, “La notte della cometa” e “Natale a Marradi”, brani selezionati e adattati di lettere dal carteggio Campana-Aleramo e poesie scelte dello stesso poeta, comprese nella raccolta “Canti orfici”, oltre a delle parti originali scritte dall’autore della sceneggiatura. Il plot, attraverso il racconto di Bastiano (Sebastiano Vassalli) dall’altrove in cui si trova dopo la morte, l’epistolario e i versi di cui sopra, rappresenta soprattutto i mesi turbolenti della relazione fra Dino e la Aleramo, tra il 1916 e il 1917, fino all’internamento definitivo del poeta nel manicomio di Castel Pulci nel 1918 e la sua morte lì dentro nel 1932. I personaggi sono tre: Bastiano (Sebastiano Vassalli), Dino Campana e Sibilla Aleramo che, compresenti sul palcoscenico, alternano l’interpretazione attoriale delle rispettive parti, dando vita così ad una partitura drammaturgica dinamica nello spazio-tempo.

‘Il canto delle pietre. Su cantos de sas pedras’ uno spettacolo che vuole gettare un ponte ideale tra i meravigliosi e ancestrali paesaggi della Sardegna e quelli dell’Umbria meridionale; un collegamento di odori, voci, suggestioni e riferimenti artistici tra le due terre. La voce narrante di un pastore-poeta-viaggiatore mentale collega e introduce, con le sue parole, vari momenti di performance letteraria, musicale, di danza con protagonisti di alto livello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carsulae Teatro, in scena ‘Storia d’amore, di boschi e di follia’ e lo spettacolo dei Tazenda

TerniToday è in caricamento