menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ecco 'Magnamaggio', il tempio della cucina tradizionale

I migliori ristoranti della tradizionale cucina ternana coinvolti fino al 19 maggio, tante inziiative dedicate al buon cibo di una volta tra laboratori e prodotti genuini

Volete gustare la vera cucina ternana, quella di una volta, di quando, nei tempi lontani della civiltà contadina, le mamme e le nonne preparavano, magari senza saperlo, qui piatti “poveri” destinati poi a diventare la tradizione culinaria? Quella tradizione che i tempi moderni e l’industria alimentare hanno spesso fatto dimenticare a favore dei quattro salti in padella? Ebbene adesso si può.

Si, perché fino al 19 maggio a Terni c’è la prima edizione di “Magnamaggio”, una rassegna voluta da Slow Food Interamna Magna e altre associazioni locali, con il sostegno anche del Comune, che, sulla scia del Cantamaggio, recupera gli antichi piatti della tradizione ternana. Lo fa non con i soliti stand anonimi, ma coinvolgendo i migliori ristoranti cittadini, ribattezzati “bettole”, sempre in onore alla tradizione, e dentro le quali gustare piatti con ingredienti, ricette, e persino sapori, autentici e storici previsti dal progetto.

E c’è anche un marchio di qualità. Il “Magnamaggio” si mangia solo nei locali che espongono il cartoccio con il grappolo del maggiogiocondo, uno dei fiori tipici dei carretti dei maggiaioli. “Lì – dicono gli organizzatori – si mangia sano e ternano”. L’evento è già in iniziato e vi hanno aderito tantissimi locali ternani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento