rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Eventi

“No one is Innocent”, ecco il disco dei Six Degrees: rabbia, amore, fede e insoddisfazione in chiave metal

Il lavoro della band rock/metal composta da Luca Correnti e Valentina Aleo per l’etichetta RockShots. “Non è di certo un concept album, ma un ribollente ed inquieto calderone di emozioni”

“No one is innocent è un disco che racchiude insieme tutte le variegate sfaccettature creative della band. È un groove-death aggressivo, semplice, diretto, senza fronzoli ma con un’accentuata propensione per la melodia, che contribuisce a donare alle composizioni un appeal bivalente, capace di conciliare la violenza dell’impatto con la gradevole efficacia delle soluzioni musicalmente più orecchiabili. Un incisivo mix di ferocia e duttilità, impreziosito dal graffiante growling di Luca, ma anche e soprattutto dalla splendida e versatile voce di Valentina”.

Così Luca Correnti e Valentina Aleo. Loro sono i Six Degrees e per RockShots hanno da qualche giorno pubblicato questo album. “Non è di certo un concept album, ma un ribollente ed inquieto calderone di emozioni”.

Siciliano di nascita ed umbro di adozione, Luca ha fatto parte della line-up della cult band catanese Sinoath nel disco Research (chitarra), poi - sempre in ambito metal - ha militato come lead vocalist nei death-thrashers Mystura e nei prog-death-metallers EpisThemE (Descending Patterns il loro album d’esordio del 2014). Dopo il trasferimento in terra umbra (2016) Luca entra in pianta stabile - come chitarrista - nella storica death metal band ternana SRL. Il gruppo sta attualmente lavorando alla stesura dei pezzi che faranno parte del loro nuovo album.

Valentina nasce e cresce musicalmente nella sua Spoleto, ambiente in cui comincia a muovere i primi passi come cantante nella band alternative metal Burn it down, con la quale registra l’EP In flames e si esibisce in concerti live tra cui il Tour Music Fest e il Music Village, occasione in cui ha l’onore di condividere il palco anche con Cristina Scabbia (Lacuna Coil).

I due si incontrano casualmente grazie ad un annuncio di carattere musicale ed in seguito decidono di intraprendere quel sodalizio artistico che li porta subito alla realizzazione dell’album No one is Innocent, sotto il monicker di Six Degrees. Il nome della band trae palesemente spunto dalla teoria sociologica (elaborata per la prima volta nel 1929 dallo scrittore ungherese Karinthy) dei cosiddetti “sei gradi di separazione”.

No one is innocent è un album introspettivo – spiega la band - all’interno del quale anche i testi occupano una parte fondamentale. Non è di certo un concept, ma un ribollente ed inquieto calderone di emozioni. La rabbia, l’amore, la frustrazione, la morte, la fede, la delusione, l’indifferenza, la critica alla società odierna, i malesseri interiori, l’incomunicabilità, la fiducia, il coraggio, l’imperfezione. Insomma, tutti elementi e sensazioni derivanti dalle vicende emotive che costituiscono il bagaglio d’esperienza che ciascuno di noi porta sulle proprie spalle”.

“Una vera e propria chicca è rappresentata dalla presenza all’interno del disco della cover della canzone The power of love di Huey Lewis and the News, tratta dalla colonna sonora del primo leggendario film della trilogia Ritorno al Futuro, ovviamente reinterpretato in chiave metal”.

Secondo Luca, poi, la firma del contratto con RockShots “è motivo di grande orgoglio e stimolo personale il fatto che i Six Degrees entrino a far parte del roster RockShots. Questo è un progetto nuovo, artisticamente diverso da tutte le cose che facciamo normalmente nelle nostre esperienze musicali quotidiane Sinceramente non ci saremmo aspettati di ricevere subito le attenzioni e l’interesse da parte di questa etichetta discografica. Quindi sono particolarmente fiero e sinceramente motivato”.

“Questo disco – le fa eco Valentina - è stato il frutto di un lavoro intenso e dedicato. Siamo riusciti a dare il 100% di noi stessi e ne sono molto soddisfatta. Non vedo l’ora di affrontare la nuova sfida che questo contratto con la RockShots Records rappresenta. Si tratta certamente di un ottimo punto di partenza e ci auguriamo di essere all’altezza della fiducia e dell’interesse mostrati nei nostri confronti!”.

Il disco è uscito il 27 novembre. Lo si può trovare su tutti gli store digitali del mondo (amazon, itunes, spotify, gooogle play, etc.). Il lyric-video del singolo Imperfect ha già quasi 5.000 views su Youtube. 

Appena si allenteranno le restrizioni dovute alla pandemia, i Six Degrees hanno in programma di girare il video-clip ufficiale dell’altro singolo, The unexpectable, con il video-maker romano Angelo Pasquarelli. Tra qualche settimana, pubblicheranno anche un altro video sui social, il “playthru” della cover The power of love (contenuta nel disco) e tratta dalla colonna sonora di Ritorno al futuro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“No one is Innocent”, ecco il disco dei Six Degrees: rabbia, amore, fede e insoddisfazione in chiave metal

TerniToday è in caricamento