Premio San Valentino, il riconoscimento va a Paul Bhatti

La consegna all’ex ministro della tutela delle minoranze del Pakistan è in programma venerdì al Teatro Secci. Latini: attenzione al problema drammatico dei cristiani perseguitati nel mondo. In programma anche lo spettacolo teatrale “Con affetto, papà” di Chiara Napolini

Presentata la 26esima edizione del “Premio San Valentino - Un gesto d’amore” che si compone dello spettacolo teatrale “Con affetto, papà” e si svolge venerdì 22 febbraio alle 21.30 al teatro Secci. È stato il vicesindaco e assessore alla cultura, Andrea Giuli, ad annunciare il nome della personalità internazionale che riceverà di persona il premio: si tratta dell’ex ministro dell’armonia e della tutela delle minoranze in Pakistan, Paul Bhatti, che “è medico e fratello di Shahbaz Bhatti - ha ricordato Giuli - il ministro per le minoranze religiose ucciso in Pakistan a causa del suo impegno di denuncia delle ingiustizie provocate dalla legge antiblasfemia che aveva portato alla condanna a morte di Asia Bibi, cristiana, madre di cinque figli, ormai assolta da tutte le accuse dalla Suprema Corte del Pakistan”.

paul-bhatti-2“L’importanza del premio e del riconoscimento a Paul Bhatti – ha dichiarato il sindaco, Leonardo Latini – pone all’attenzione il problema drammatico dei cristiani perseguitati nel mondo. Con questo riconoscimento abbiamo rivitalizzato il premio anche dal punto di vista simbolico, connettendolo al tema che sta a cuore a questa amministrazione”.

Valori della solidarietà, fratellanza e amicizia tra i popoli, è stato detto in conferenza stampa, che sono le ragioni principali per cui è nato il Premio San Valentino. “Anche lo spettacolo, un’intensa lettera di un padre detenuto al proprio figlio – ha detto la regista Chiara Napolini – rappresenta l’affetto di un padre qualunque nei confronti del proprio figlio”. Il monologo- lettera dell’attore Edoardo Siravo è arricchito dalla musica dal vivo di Alessandro Bravo e Aldo Bassi, dalla danza e le coreografie di Matteo Vignali, dalla partecipazione da Sanremo Giovani di La Zero con la canzone “Nina è brava” sui minori che vivono nelle carceri con le madri e dal cameo di un ex ergastolano.

Durante la serata verrà dato anche il premio a due donne che svolgono la professione di magistrato di sorveglianza a Spoleto, Nicla Restivo e Grazia Manganaro, ed al presidente Fisdir per gli sport paralimpici, Marco Borzacchini. L’ingresso al teatro Secci è gratuito fino ad esaurimento posti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento