Terni celebra il film popolare con De Sica e Neri Parenti

Presentata la prima edizione del "Pop Film Fest" dedicata a Bud Spencer. Al Politeama anche Anna Foglietta e Vinicio Marchioni. Due le anteprime nazionali

Da sinistra Spera, Giuli, Castellani e Isola

Un omaggio a Bud Spencer, un premio alla carriera a Christian De Sica e poi lo spettacolo di Anna Foglietta e l'incontro con Neri Parenti. Questi i ricchi ingredienti della prima edizione del Terni Pop Film Fest – Festival del Cinema Popolare che si terrà dal 27 al 30 settembre al Cityplex Politeama e che vedrà anche due proiezioni in anteprima nazionale

“Il cinema popolare è cultura – ha detto uno dei due direttori artistici Antonio Valerio Spera - anche se, purtroppo, negli ultimi tempi non è più considerato tale. Il nostro obiettivo è proprio quello di restituire al cinema popolare il suo giusto ruolo, specie perché parliamo di un’arte, quella cinematografica, che è l’arte popolare per eccellenza”. 

“Abbiamo fortemente voluto omaggiare il passato - ha aggiunto parlando del programma - e per questo abbiamo scelto proprio un grande del passato con cui aprire questa prima edizione, Bud Spencer. Un omaggio a cui giovedì prenderà parte anche la famiglia Pedersoli e di cui siamo molto felici. A rappresentare il 'pop di oggi e di domani', invece, saranno le due anteprime nazionali Un nemico che ti vuole bene di Denis Rabaglia (sabato 29 settembre alle 21, ndr)nelle sale dal 4 ottobre con Medusa, e Non è vero ma ci credo di Stefano Anselmi (venerdì 27 settembre alle 21, ndr)nelle sale dal 4 ottobre con Notorious Pictures. A chiudere il festival sarà la consegna del premio alla carriera a Christian De Sica durante la cerimonia di chiusura, in cui l’artista si concederà a un incontro con il pubblico, ripercorrendo i migliori momenti della sua carriera".

In cartellone sabato 29 alle 18 anche l'aperitivo con Neri Parenti, nel quale le scene più divertenti dei suoi film si alterneranno al racconto della sua carriera, e lo spettacolo di domenica 30 con Anna Foglietta "Storie del Decamerone - Una guerra" che servirà anche a raccogliere fondi per l'associazione Every child is my child. 

Nel corso della manifestazione, la mattina, spazio poi agli incontri con gli studenti "A scuola di cinema". Tra gli ospiti Victor Rambaldi, Alessandro Grande - David di Donatello nel 2018 per il miglior cortometraggio - e Vinicio Marchioni, il "Freddo" della serie tv "Romanzo Criminale. Saranno invece firmate dall’artista ternana Lauretta Barcaroli le opere che verranno consegnate ai premiati.

GUARDA IL PROGRAMMA COMPLETO 

Nella conferenza stampa di presentazione di questa mattina l'altro direttorre artistico Simone Isola ha sottolineato l'importanza di “legare il pubblico al cinema” e di farlo “in un luogo diverso da Roma, cercando di instaurare un forte legame con il territorio. Un’idea necessaria, nata da un’intuizione di Spera, perché oggi i meccanismi di distribuzione e di fruizione sono cambiati. Quello che speriamo di riuscire a fare con questo festival è cercare di ricreare una sinergia fra il pubblico e la sala cinematografica”.

Personaggi "coraggiosi" li ha definiti il vicesindaco e assessore alla Cultura, Andrea Giuli. "Terni torna a splendere - ha detto - risollevando le sorti culturali della nostra città con il cinema”. Gli ha fatto eco il direttore organizzativo Michele Castellani. “Ho avuto la fortuna di conoscere Isola e Spera che mi hanno coinvolto in questa bellissima ‘follia’. Il nostro è un festival che vuole rendere omaggio al cinema popolare, restituendogli il peso culturale che merita”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Inquinamento all'Ast, il Comune: "Segnaleremo i casi alle autorità"

  • Cronaca

    È ternano ma gira su un suv con targa straniera: scattano multa e sequestro

  • Attualità

    Polveri sottili inarrestabili, nuovi sforamenti a Le Grazie

  • Economia

    Esuberi e cassa integrazione, la vertenza Ast non è solo ambiente

I più letti della settimana

  • Terni saluta Aldo, un pezzo di storia della città dell'acciaio

  • Trema la terra, il sindaco rassicura: "Evento normale"

  • Un saluto commosso, la città dell'acciaio si stringe nel ricordo di 'Aldino'

  • Rogo Thyssen, i manager tedeschi ancora liberi inseguiti dalle Iene

  • "Una persona buona e generosa", Terni dice addio ad "Aldino"

  • Religione, politica e sesso: ecco il questionario sull’omofobia

Torna su
TerniToday è in caricamento