rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Meteo

Freddo e pioggia, un’altra settimana instabile. C’è anche il rischio di grandinate

Meteo, le previsioni per i prossimi giorni. Possibile miglioramento per il weekend, a “rischio” il ponte del 25 aprile

La primavera sembra essere ancora in letargo e anche nei prossimi giorni si dovrà fare i conti con freddo e pioggia. Colpa di un nuovo impulso di aria fredda che arriva dal Baltico, portando – soprattutto al nord Italia - piogge, rovesci, temporali e grandinate che fin’ora hanno bersagliato soprattutto le regioni del centro e del sud. “Questa nuova fase – spiega Carlo Migliore, meteorologo di 3bmeteo.com - inizierà nella seconda parte di mercoledì sul nordest poi entro giovedì si estenderà a tutto il settentrione con fenomeni che potranno essere forti a nord del Po. Una certa instabilità andrà ad interessare anche le regioni centrali ma si tratterà per lo più di una instabilità diurna con dei temporali in formazione lungo l’Appennino. Il sud sarà invece in condizioni di pressioni più elevate con rischio fenomeni più basso”.

“Dunque la giornata peggiore - o migliore, considerando il bisogno che c’è di pioggia al nord - sarà proprio giovedì, ma anche venerdì - aggiunge Migliore - potrà vedere fenomeni localmente intensi pur se in graduale attenuazione con l’allontanamento del minimo verso la Manica. Le temperature diminuiranno a causa delle precipitazioni e della natura della massa d'aria, piuttosto fresca per non dire fredda e ci saranno anche delle nevicate sulle Alpi”.

“Instabilità atmosferica – spiega Lorenzo Badellino - significa genesi anche di celle temporalesche localizzate, favorite dall’ormai marcata differenza termica che si viene a creare con il riscaldamento del suolo operato dal sole, esacerbata dalla presenza di aria fresca di matrice balcanica. La grandine è un fenomeno tipicamente collegato agli eventi temporaleschi e nei prossimi giorni potrà altresì essere favorita dal rovesciamento verso il suolo dell’aria più fresca presente in quota. Le aree più soggette saranno chiaramente quelle dove saranno più probabili i temporali durante la settimana, ovvero oggi su alta Puglia e Lazio, specie sulle zone interne tra le ore pomeridiane e quelle serali, localmente anche sul nord della Sardegna e sulla Sicilia ionica. Mercoledì su Toscana interna e a tratti anche sulla Campania interna, specie al pomeriggio; in serata possibile coinvolgimento delle Prealpi e alte pianure lombardo-venete e nella notte anche sulla Val Padana centrale. Giovedì a rischio saranno Lombardia, Emilia, Veneto e Friuli, con fenomeni in propagazione verso ovest fino al Piemonte in serata”.

L'instabilità che rimarrà in vita su molte regioni nel corso della settimana appena cominciata sembrerebbe destinata ad attenuarsi all’inizio del prossimo weekend, per la rimonta di un campo anticiclonico in area mediterranea che coinvolgerebbe anche l’Italia. “Potremmo andare incontro ad un sabato più stabile per tutti – aggiunge l’esperto - con temperature in aumento, anche se questa nuova fase potrebbe non avere lunga vita. Dovremo fare i conti, infatti, con una circolazione depressionaria sempre attiva alle latitudini nord atlantiche, intenzionata ad estendere la sua influenza nuovamente verso il Mediterraneo centrale. Mancano ancora diversi giorni e risulta ad oggi difficile definire con una buona attendibilità la spinta e l’esatta traiettoria che la depressione atlantica potrebbe seguire nella parte conclusiva della settimana e all'inizio di quella successiva. Ma se questa riuscirà effettivamente a raggiungere le latitudini mediterranee potremmo aspettarci una nuova intensificazione dell’instabilità su molte delle nostre regioni durante il ponte del 25 aprile. Rovesci e temporali potrebbero estendersi a più riprese dal nord Italia verso il meridione (con possibile ritorno della neve sulle vette alpine), pur alternandosi a pause più soleggiate e asciutte. Le temperature avrebbero modo di aumentare in corrispondenza delle pause più soleggiate, per poi calare durante il passaggio delle linee di instabilità. Si tratta ovviamente di una tendenza di massima che potrebbe subire variazioni non indifferenti nei prossimi giorni, a causa della notevole distanza temporale”. Tutti gli aggiornamenti su 3bmeteo.com.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Freddo e pioggia, un’altra settimana instabile. C’è anche il rischio di grandinate

TerniToday è in caricamento