Giovedì, 18 Luglio 2024
Meteo

Un ponte di temporali, il meteo per la settimana e il dettaglio del weekend del 2 giugno

Fenomeni intensi e molto diffusi soprattutto da giovedì in poi con temperature in aumento. Ecco le previsioni per i prossimi giorni

Sarà una settimana segnata da una forte instabilità meteo che potrebbe portare fenomeni temporaleschi intensi e diffusi, soprattutto a ridosso del fine settimana del 2 giugno.

“La grossa cellula di alta pressione presente tra il Regno Unito e la Scandinavia occidentale – spiega Carlo Migliore, meteorologo del sito 3bmeteo.com - continua a influenzare il tempo delle nostre latitudini lasciandoci in una sorta di limbo barico. Né alta pressione, né bassa pressione ma condizioni medie che possono essere sufficienti a mantenere il tempo stabile nelle ore più fresche come il primo mattino ma che nel pomeriggio e al nord anche in tarda serata o le prime ore della notte non riescono a impedire la formazione di temporali, anche intensi”.

Questo sembra essere il trend per la settimana in arrivo, con una leggera intensificazione nei giorni del ponte e comunque con una parola d’ardine che andrà bene per quasi tutti i giorni: attenzione ai temporali pomeridiani o serali.

La settimana in dettaglio

La giornata di lunedì 29 maggio sarà ancora caratterizzata da una certa instabilità pomeridiana ma disturbi nuvolosi ci saranno fin dal mattino sulle isole maggiori. “Le zone più a rischio nel pomeriggio – precisa Migliore - saranno alpi/prealpi e appennino con fenomeni più diffusi al nordovest dove potrebbero raggiungere anche i settori di pianura. Non è escluso qualche sforamento dei fenomeni appenninici del centro-sud anche verso la costa tirrenica, ma in generale sulle coste peninsulari il tempo sarà più soleggiato. Le temperature saranno pressoché estive con valori massimi anche sopra ai 27/28°C”.

Anche la giornata di martedì sarà caratterizzata da instabilità pomeridiana ma i fenomeni saranno più frequenti in area appenninica al centro-sud e meno sui settori alpini e prealpini almeno in giornata. Farà sempre caldo con temperature massime non troppo diverse dal lunedì.

Mercoledì giornata disturbata da nubi irregolari causate dal passaggio del vortice africano, non esclusa qualche pioggia al nordovest e a tratti anche al centro-sud. “Ma sarà nel pomeriggio che avremo maggiori chance di temporali, anche diffusi e localmente forti sulle zone interne un po’ di tutte le regioni con locali sforamenti fino alla costa tirrenica. Sulle coste adriatiche il tempo dovrebbe risultare migliore. Le temperature potrebbero subire una lieve diminuzione”.

Anche giovedì 1 giugno, ufficialmente l’inizio dell’estate meteorologica, vedrà molti temporali pomeridiani soprattutto al centro-sud, mentre dovrebbero risultare meno diffusi al nord. Ci sarà comunque più sole in generale lungo i litorali, soprattutto quelli dell’Adriatico. Le temperature potranno aumentare leggermente.

“Arriviamo dunque al ponte del 2 giugno – spiega il meteorologo - che potrebbe vedere una incentivazione generale dell’instabilità pomeridiana con fenomeni che tra sabato e domenica potrebbero risultare diffusi e intensi su gran parte del nostro territorio”.

“Dunque, ricapitolando, la prima parte della settimana sarà caratterizzata da una instabilità pomeridiana o serale (al nord) che vedrà la formazione di temporali che potranno essere anche localmente forti e grandinigeni ma che con maggiore probabilità interesseranno le zone interne. Sui litorali, le pianure dell’entroterra costiero e la pianura padana ci saranno condizioni soleggiate prevalenti fino al 2 giugno. A questa instabilità diurna andranno comunque aggiunte alcune situazioni locali per la presenza del vortice africano che transiterà alle basse latitudini.

Durante il ponte del 2 giugno e in particolare nel weekend 3-4, infiltrazioni fresche dal nord Europa potrebbero determinare una instabilità più diffusa che potrebbe raggiungere anche le pianure settentrionali e a tratti i litorali del centro-sud”.

“Il contesto termico sarà caldo ma senza eccessi, un po’ afoso a tratti per la massa d’aria abbastanza umida che sarà presente sull’Italia e soprattutto in virtù dell’evaporazione dai terreni delle piogge abbondanti del periodo appena trascorso. E purtroppo sarà proprio quell’umidità a fare da combustibile per la formazione dei temporali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un ponte di temporali, il meteo per la settimana e il dettaglio del weekend del 2 giugno
TerniToday è in caricamento