rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Meteo

Fine settimana sotto il segno del maltempo, gli esperti: “Attenzione ad alluvioni lampo, vento e grandine”

Le previsioni meteo per i prossimi giorni: inizio settimana stabile e con temperature in aumento, ma tra mercoledì e giovedì è possibile un nuovo peggioramento

Tra oggi e domani - 3 e 4 settembre - sembra assodato il rischio concreto di temporali anche forti prima su ovest Toscana poi, specie domenica, su ovest Lazio con precipitazioni intense, grandine e forte vento nonché il rischio di locali criticità idrogeologiche. Atteso un miglioramento del tempo tra lunedì e mercoledì con valori massimi di nuovo in ascesa prima di un possibile nuovo peggioramento da giovedì/venerdì.

Questi i tratti essenziali delle previsioni meteo per i prossimi giorni elaborate dagli esperti di 3bmeteo.com.

Quella di oggi sembra destinata ad essere una giornata molto instabile tra Toscana, Umbria e a seguire sull’alto Lazio, con rovesci e temporali localmente anche intensi a partire dai settori costieri della Toscana, in particolare tra Livornese e Grossetano, in estensione all’entroterra, in particolare tra Volterrano e Maremma, con successivo coinvolgimento di una parte dell’Umbria, specie centro-occidentale, e dell’alto Lazio dove rovesci e temporali si dovrebbero verificare entro la prima parte della serata su Viterbese costiero e interno. Temperature massime in calo su Toscana e parte dell’Umbria.

Anche la giornata di domani – domenica – sarà caratterizzata da una fase fortemente instabile tra Toscana, Lazio ed Umbria, con rovesci e temporali anche intensi a partire dai settori costieri di bassa Toscana e Lazio, in successiva estensione all’entroterra (in modo particolare sul basso Lazio interno) quindi nel corso del pomeriggio anche sull’Umbria. “Attenzione – spiegano da 3bmeteo - i fenomeni potrebbero risultare battenti associati a grandine, violenti colpi di vento, alluvioni lampo e smottamenti”.

Previsioni Italia

“Il fronte che si snoderà dal suo centro e che impegnerà domenica parte delle nostre regioni centro-meridionali – spiega il meteorologo Lorenzo Badellino - uscirà di scena lunedì, determinando un inizio settimana in gran parte stabile sull’Italia e con temperature in aumento. Il clima sarà comunque gradevole e i picchi di calore rimarranno confinati alle isole maggiori, dove si potranno toccare punte di 35/37°C sulle zone interne. Va segnalata solo una certa variabilità che interesserà le Alpi e tratti del nordovest, esposti ad un marginale flusso umido sudoccidentale innescato dal ciclone britannico. Poche novità sono attese fin verso la metà della settimana, con un po’ di variabilità che insisterà su Alpi e nordovest e tempo stabile sul resto d’Italia, con temperature in ulteriore lieve aumento e caldo intenso in Sardegna, dove mercoledì si potrebbero raggiungere i 36/38°C”.

“Tra mercoledì e giovedì invece potremmo andare verso una svolta. Il vortice britannico sembrerebbe intenzionato a mettersi in cammino verso est, transitando sull'Europa centrale. Se così fosse i fronti ad esso associati inizierebbero a scorrere sul centro del Continente, spingendosi fin verso le nostre regioni settentrionali e parte di quelle centrali. Qui l’instabilità aumenterebbe piuttosto sensibilmente, a causa dei forti contrasti termici tra l’aria calda preesistente, la temperatura del Mediterraneo decisamente sopra la media e l’aria più fresca in arrivo dal nord Atlantico. Se la tendenza sarà confermata, si aprirebbe per queste regioni una fase caratterizzata da piogge e temporali localmente violenti con temperature in sensibile diminuzione. Sulle regioni meridionali invece l’anticiclone africano avrebbe maggiori chances di sopravvivenza, prolungando la fase stabile ed anche piuttosto calda. Si tratta però di una tendenza che potrebbe subire modifiche anche sostanziali nei prossimi giorni, a causa della notevole distanza temporale. Vi consigliamo quindi di seguire i prossimi aggiornamenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fine settimana sotto il segno del maltempo, gli esperti: “Attenzione ad alluvioni lampo, vento e grandine”

TerniToday è in caricamento